Archivi tag: master

Happy Birthday e novità

Standard

Post sintetico e veloce per dire poche cose ma importanti.

Comunicazione numero 1: questo blog è diventato privato!!! Il dominio ora è cuckqueanita.com (sa tanto di spagnolo questa cosa dell’ita alla fine, ma è simpatico, mi piace). Buon compleanno al nuovo sito!

Comunicazione numero 2: ho concluso la traduzione in inglese di tutto il mese di giugno. Certo, se mi state leggendo significa che già capite l’italiano e non dovreste avere grandi motivazioni per leggere la versione inglese, ma vabbeh, volevo rendervi partecipi della sfacchinata che ho fatto.
Ora sotto con luglio.

Comunicazione numero 3: tanto per non lasciarvi con l’amaro in bocca, Lui è appena uscito per stare un pò con lei. Non so esattamente quando tornerà, stasera avremo amici a casa ma la sua presenza non è necessaria (suono molto più maleducata di quello che vorrei)…cioè, se lei gli chiedesse di stare ancora in giro, lui potrebbe tranquillamente farlo. Ma non credo starà via molto.
Per quanto riguarda un sicuro approccio a lei, stiamo entrambi aspettando che si vedano da soli, a casa di uno dei due, così lui potrà farle quel famoso massaggio che era stato promesso….
Se lei ha una qualche predisposizione per lui, appena le metterà le mani addosso lo sapremo. Fino ad allora non mi resta (e non ci resta, intendendo anche voi) che aspettare.

Sulla Relazione e piccole novità.

Standard

Prima di raccontare alcune evoluzioni sulla situazione, volevo prendermi un pò di tempo per chiarire la relazione che ho con Lui. Mi sono resa conto, tramite alcune delle mail dei lettori, che la situazione è facilmente fraintendibile, e che io sono una tipetta piuttosto strana che non permette di figurare bene la situazione.
Quindi precisiamo un pò di cose.

– Il cuckqueaning e il bdsm sono due cose diverse. Penso sia importante sottolinearlo: il cuckqueaning è a pieno titolo un fetish, che non implica necessariamente la presenza di un rapporto di potere sbilanciato tra i due partner. Avete presente gli scambisti? Non mi pare che si umilino a vicenda mentre scopano altri (o almeno, non tutti lo fanno); ecco, siamo su questo livello del fetish. Di per sè la cuckquean o il cuckold che si fa una sega guardando il partner andare con un altro non implica necessariamente una posizione subordinata. Che questo accada nella maggior parte dei casi, è responsabilità dei praticanti nel darsi effettivo del fetish, non è una regola della pratica stessa.

Un lettore in particolare mi ha posto la domanda “Si può definire cuckquean una slave?”. Non è una domanda stupida. Per niente. Pensiamo a questa situazione emblematica: un Master che offre la propria slave ad altri; lui è forse un cuckold? Sa che lei va con altri, magari assiste anche, la cosa lo eccita anche. E’ un cuckold lui o è lei un oggetto offerto al primo offerente dal Master che può fare di lei ciò che vuole? Se una slave è costretta a servire le amanti del suo Master, è una cuckquean che ricava piacere assoluto dalla situazione o è una slave che obbedisce agli ordini?

Sono una paranoica dei livelli (mi pareva si fosse già capito col mega post sulla Metacomunicazione), perciò direi che sebbene il confine sia labile è bene essere precisi, per evitare ambiguità e superficialità. Una sub (arriverò poi alle slave) non può essere trattata come una cuckquean: se il suo piacere deriva dall’obbedire al Master, questo non è la stessa cosa del dire “la eccita saperlo con un’altra”. Ci rendiamo conto dell’immensa differenza?
Io cuckquean posso permettermi di tornare a casa e trovarmi il mio Lui con un’altra sul divano che ci danno dentro come se fossero tornati in auge i riti dionisiaci; io sub se tornassi a casa e mi ritrovassi in una situazione simile con Lui che fraintende il mio volerlo servire con i suoi capricci accontentati sempre e comunque, avrei tutti i diritti di prendere una sedia e giocare a bowling con due birilli formato umano.

Il cuckqueaning, così come il cuckolding, prevede che il cuck chieda/proponga/accetti con un grande pollice in su l’adulterio da parte del partner. Non è una costrizione, non è un’imposizione, è una LIBERA SCELTA. Il cuck sa già di esserlo e si prodiga per farlo capire al proprio partner (e mi riferisco al lungo purgatorio che molti cuckold devono passare per convincere la propria moglie ad andare con altri e che loro non sono andati fuori di testa), oppure davanti alla proposta dell’altro capiscono che l’idea li eccita immensamente. Sono i primi a rendersi conto che c’è una risposta sessuale immediata al pensiero del partner con un altro/a, non ci sono livelli intermedi del tipo “io servo Lui; ergo accetto che Lui vada con altre; ergo mi eccita che Lui vada con altre perchè così confermo il mio servirlo”. Sono cose diverse.

Tornando alla domanda iniziale: una slave implica un contratto in cui lei ‘dona’ la propria volonta al suo Master. Lascio perdere il fatto che per me è essenziale che nel contratto ci sia la possibilità da parte della slave di metacomunicare e di avere metaregole nel caso in cui le cose non vadano, ma più in generale, se la situazione della slave prevede che a lei va bene tutto quello che il Master fa, lei lo deve solo accettare. Ma anche qui, siamo alla definizione di Cuckquean. E’ semplicemente la moglie consenziente all’adulterio del marito? O è qualcosa di più? Una Cuckquean non è forse la moglie consenziente ed eccitata all’adulterio del marito?

La slave accetta, la Cuckquean spinge. La slave obbedisce, la Cuckquean propone. La slave serve, la Cuckquean offre servigi.

– Dopo questa lunga introduzione, arriviamo al mio caso personale. E’ tempo che vi facciate un pò idea di come funziona tra me e Lui il mondo bdsm&fetish.

Premetto il fatto che nessuno dei due ha spinto l’altro ad entrare in questo mondo, ci siamo conosciuti che avevamo già queste spinte. Lui era già interessato alle relazioni M/s e al bdsm in generale, e io ero già una piccola pervertita ossessionata dal tradimento.
Già, perchè la sottoscritta ha in testa questa cosa dall’infanzia. Devo averlo accennato in qualche altro post, ma per me la competizione si è sempre mischiata con qualche livello di tradimento, perciò nella mia testolina infante immaginare una scenetta in cui la mia personcina ne usciva fuori vittoriosa e stupenda, implicava sempre e comunque la quasi perdita di qualcuno, la competizione, la ‘lotta’ e la mia vincita personale.
Quando io e Lui ci siamo conosciuti io non ero minimamente pronta ad incontrare i suoi desideri. Ero così accecata da questa mia vittoria nella competizione, che non concepivo una situazione in cui dovessi abbassare la testa. Ero testarda, cocciuta, orgogliosa nel peggior senso possibile, ed egoista a livelli sinceramente curiosi.
Abbiamo entrambi avuto modo di maturare, lontani ma sempre rivolti l’uno all’altra. Lui ha formato la sua meravigliosa personalità, il suo carattere dominante, ha personalizzato il sesso in modo da conformarlo al suo carattere, è diventato un Uomo. Io ho imparato che il mio orgoglio aveva milioni di modi più costruttivi di esprimersi, ho ampliato i miei orizzonti attraverso interessi e studi che mi hanno resa capace di vedere l’Altro rispetto a me, ho trovato il compromesso che mi permetteva di essere Libera.
Quando io e Lui ci siamo reincontrati e ci siamo innamorati di nuovo, gli anni di teatro mi avevano già fatto capire quanto amassi entrare in personaggi che erano fuori da me. Avevo già sviluppato un Estetismo che mi spingeva verso milioni di interessi, i quali mi davano tutti una certa dose di autostima, permettendomi di sentirmi Bella. Avevo ancora in mente la valchiria che volevo essere nell’ambiente cuck, ma in aggiunta avevo anche capito quanto ero in grado di piacermi mentre mi inginocchiavo.
Sono una sub sicuramente atipica, vado ben oltre ciò che mi viene chiesto e lo faccio per puro piacere personale, vedo in Lui il riflesso della mia figura, e mi piace così tanto che continuo a servirlo per compiacermi. Forse mi piace la discrepanza che si forma tra il mio orgoglio e il mio carattere fermo e a tratti aggressivo, con la me sottomessa e composta, dignitosa e calma.
Ne parlo spesso con Lui, più che sub sembro una cortigiana, dipende dalle giornate.
Lui conosce questi miei tratti e li sposa perfettamente con il suo carattere, dandomi sempre nuove possibilità di esprimere me stessa. Lui traccia la strada perfetta, e quando decido di percorrere una strada alternativa perchè sento che mi piacerei di più in quell’altra, trovo che Lui non solo l’aveva già prevista, ma me l’ha anche decorata. Lo sento accanto a me e contemporaneamente tre passi in avanti, ci lasciamo la libertà di essere noi stessi completamente.
E’ l’unico verso cui avverto il desiderio di sentirmi Bella servendolo. Mentre con tutti gli altri (e specialmente le donne) sono persino dominante, con Lui non posso fare a meno che abbassarmi, perchè so che non perdo nulla della mia persona nel farlo, non mi forzo in nulla, ma mi affido a Lui che mi conosce e sa anticiparmi.

Ora, dopo queste immagini molto carine, sottolineo il fatto che io e Lui metacomunichiamo in continuazione. Non c’è un solo giorno in cui non parliamo di come ci sentiamo riguardo ad una cosa piuttosto che ad un’altra. Dopo ogni fantasia cuckquean, mentre ancora ansimo per l’orgasmo mi fermo a raccontargli cosa mi è piaciuto e cosa no, cos’è che avrei voluto e cos’è che si potrebbe fare. Abbiamo entrambi lo stesso potere nel metacomunicare, entrambi proponiamo, discutiamo, decidiamo insieme il da farsi.

In questi mesi ho amato fondere alcuni tratti sub con il cuckqueaning. Ci siamo entrambi divertiti come matti trovando nuovi modi per ‘umiliarmi’, sia verbalmente che fisicamente. Ho imparato tantissimo in quest’anno, e sono anche maturata su moltissime cose, ho imparato a vedere diversamente tantissime altre.
E’ stato Lui a dirmi che era il momento di separare più nettamente il lato sub da quello cuckquean, perchè il periodo di vita che sto vivendo richiede che io sia aggressiva e decisa, per puntare il più in alto possibile e non fermarmi davanti a niente. Non me ne stavo rendendo conto, ma stavo naturalizzando le umiliazioni verbali, mi accoccolavo come un gatto pronto a ricevere una carezza e due pizzicotti, contenta di avere attenzioni. E’ una strada legittima, ma non è quella più utile. Temeva che questo potesse ripercuotersi fuori dal cuckqueaning, fuori dal bdsm.
Ne abbiamo parlato e abbiamo deciso di accentuare la metacomunicazione, cosicchè ogni volta che stiamo parlando all’interno della dinamica cuckquean, dobbiamo avvisarci a vicenda, per non rischiare nemmeno inconsciamente di confondere i livelli.

Questo mi porta direttamente a parlare delle piccole evoluzioni che ci sono state.
Dovete sapere che io effettivamente questa nuova amica di Lui l’ho conosciuta. Partendo un pò dall’inizio della giornata, io dovevo avere un esame nel primo pomeriggio, e dovevo decidere se lei poteva venire in casa nostra per studiare tutto il pomeriggio con Lui. Dico che dovevo decidere perchè avevo l’ultima parola a riguardo, perchè non dovevo assolutamente rischiare di distrarmi durante l’esame, così se avessi scoperto che l’idea di loro due insieme in casa NOSTRA da soli mi faceva deconcentrare, l’avrei detto a Lui e loro due si sarebbero visti in biblioteca invece che a casa.
Invece è stato tutto estremamente naturale. Ero totalmente rivolta al mio esame e nemmeno per un istante il pensiero di lei con Lui mi ha fatta deconcentrare. Sono andata in università mentre mandavo sms a Lui per sapere se lei era arrivata, poi ho aspettato di poter entrare nell’aula ripassando gli argomenti e nei momenti liberi persino fantasticando su loro due insieme. Ho fatto l’esame dando il 110%. Ci ripensavo mentre tornavo a casa, che quello era proprio il tipo di atteggiamento che volevo avere: quando ad Aprile parlavo con Lui del mio feticcio per i tradimenti, avevo sottolineato quanto trovassi estremamente motivante il fare qualcosa di importante, non essere solo una fidanzata immobilizzata da qualche parte che si tocca (nulla togliendo a chi lo fa, semplicemente non è la mia strada).  Volevo essere una cuckquean che cavalcasse l’onda, più che starsene sotto di essa in una bolla protetta. Così mentre tornavo a casa pensavo che era stato estremamente soddisfacente dare un esame e sapere che Lui stava con lei da solo in casa. Mentre tornavo fantasticavo di poterli trovare in qualche momento intimo, di sbirciarli dalla finestra. Ho percorso i 2 km che mi separavano da casa con l’ansia di un bambino che aspetta la mattina per aprire i regali di Natale. Volevo tornare a casa e vederli.
Sono arrivata sotto la finestra in punta di piedi, ho assaporato come mai mi era capitato il momento in cui decidevo di sbirciare. Li ho visti sulla poltrona, seduti vicini che parlavano. Ho avuto un attimo di delusione per non averli scoperti in qualche gesto più intimo, ma poi ho pensato che era stato meglio così, quella giornata era perfetta così com’era. Così sono rientrata in casa, mi sono presentata a lei, ho raccontato com’era andata la mia giornata, loro mi hanno raccontato la loro, io ho parlato senza peli sulla lingua del mio fetish (sapendo che tanto lui gliene aveva già parlato), dandolo per scontato, e godendo nel vedere il suo viso forzatamente composto mentre io parlavo di un mondo così lontano dal suo. Mi sono sentita superiore perchè comprendevo e condividevo una realtà totalmente estranea alla sua, ed era lei a doversi sforzare per capire come fossi in grado di pensare così.
Lui mi ha stuzzicata chiedendomi se sarei dispiaciuta tornando a casa nel trovarlo a scopare, o nel vedere dei preservativi usati sul tavolo, e io ho sinceramente risposto che mi sarebbe dispiaciuto solo perchè non avrei potuto assistere. Le ho potuto spiegare che non sono il sogno di ogni ragazzo (clichè), perchè in realtà la posizione che ha Lui è tutto fuorchè facile, giacchè non si tratta semplicemente di andare con altre, ma di coinvolgermi sempre e comunque. Le ho messo bene in chiaro che la mia figura è imprescindibile, e nel momento in cui lui va con altre, anche se non sono presente fisicamente, sono implicata nella situazione. Non è mai una scappatoia da me, ma qualcosa di cui io faccio parte attivamente.
Lei ha continuato a non fare una piega, a registrare le notizie senza far vedere cosa ne pensava. Probabilmente le serve del tempo per metabolizzare la cosa, o forse non le interessa nemmeno.
Intanto sa che se vuole interessarsi a Lui, farebbe bene a tenere sempre a mente me.
Lui poi quella stessa sera l’ha riaccompagnata a casa, si sono scambiati l’ormai solito abbraccio stretto e poi lui ha raffreddato un pò i rapporti, sia per non viziarla troppo che per darle modo di capire bene le cose.

Ora siamo al punto in cui loro devono rivedersi da soli, lui forse ci proverà, o magari le parlerà direttamente chiedendole se le interessa la cosa. Non lo so sinceramente. Sono stranamente più tranquilla, mi va di scoprire cose nuove e l’ansia non mi prende più come prima. Forse ho confermato che ce la faccio, che so farmi valere anche in mezzo al cuckqueaning, che non sono una povera fidanzata il cui fidanzato approfitta della sua assenza.
Sono una tosta.
Bella e austera. Continuerò ad inseguire questo ideale.

p.s. Ultima precisazione: ragazzi (inteso in senso totalmente universale, mi riferisco a tutti i lettori, maschi femmine e di qualunque età)…cercate di capirmi, scrivo in prima persona di un’esperienza non esattamente semplice da descrivere in modo chiaro. Non dimenticatevi dei post in cui scrivevo di stare piangendo come una bambina terrorizzata, o quelli in cui dicevo di essere totalmente nel panico e incapace di fare un solo passo in avanti. Chi credete che mi abbia raccolta col cucchiaino in quei momenti?
Mi sento padrona del mio fetish nella misura in cui ho al 100% quel 50% di potere nel parlarne e decidere sul da farsi che ha anche Lui.
Sono un pò troppo intraprendente per essere una sub da manuale, lo ammetto. Questo non mi impedisce di godermi una sana sculacciata o cinghiata (ultima grande scoperta, quanto mi piace!) o qualsiasi cosa gli venga in mente o mi venga in mente.
Perciò non pensate così automaticamente che io sia quella che ‘tesse le fila’, andrebbe contro il tipo di cuckqueaning che voglio mostrarvi di avere. Io e Lui portiamo avanti INSIEME questa cosa, venisse meno uno dei due, crollerebbe tutto all’istante.

Detto questo, continuo a gradire immensamente le mail che mi mandate, vi invito a continuare senza ulteriori indugi

Secondo assaggio…?

Standard

Giusto perchè c’è chi aspetta fiducioso che qui non si batta la fiacca…
Di novità ne ho parecchie. In questi pochi giorni è successo di tutto e di più.

Riprendendo un pò le fila del post precedente, per un paio di giorni ci siamo gongolati in questo nuovo genere di fantasia; ad entrambi piaceva l’idea di poter creare il nostro perfetto fetish perfettamente adattato al tipo di vita che stiamo facendo ora.
Durante una di queste fantasie, mi aveva chiesto “Vuoi che ti descriva una delle mie compagne?” e io gli avevo detto di sì, curiosa di sapere se avrebbe scelto quella che pensavo…l’ha fatto. E’ tempo che la presenti, non tanto perchè sono certa di poterci fare qualcosa in futuro, ma almeno perchè è stato fatto comunque qualcosa nel recentissimo passato e presente: è una compagna di università di Lui, si parlano da quasi l’inizio dell’anno accademico, è solare, simpatica, socievole, espansiva, carina, e con il mio fidanzato ha instaurato abbastanza facilmente un rapporto piuttosto confidenziale dove lei tiene molto in considerazione la sua opinione.
Sapevo che avrebbe preso lei per la fantasia, del resto era l’unica ragazza di cui mi parlava quando mi raccontava le sue giornate. Mi fa masturbare mentre mi descrive il suo corpo, le sue forme (sottolinea che ha il seno più grande del mio -e te pareva-, bionda di capelli con occhi bellissimi), mi fa immaginare un loro appuntamento, la loro foto che li ritrae mentre si baciano messa in bella mostra sul nostro mobile in salotto.
Nei giorni seguenti mi sento parecchio in colpa perchè Lui mi dice che lei è davvero una brava ragazza e la vuole come amica, e io faccio l’errore di staccare il Cuckqueaning dall’Amicizia. Pensando ancora allo schema precedente, le due cose erano assolutamente incompatibili. Gli parlo di questo mio senso di colpa, perchè lui vorrebbe farmela conoscere ma io non posso togliermi dalla testa il fatto che abbia avuto un orgasmo pensando a loro due insieme, ma riusciamo a chiarirci: la sua idea è ancora più avanti della mia, Lui non sta più separando la linea Amicizia dal Cucking, non si escludono a vicenda, sta scegliendo una ragazza di cui si fida più delle altre, con cui ha un legame che resisterebbe anche dopo che il Cuckqueaning con lei si è consumato totalmente. Una ragazza che io potrei conoscere e con cui potrei più facilmente metacomunicare, qualcuna con cui non dovrei fare una guerra.
A qualcuno forse sorgerà la domanda come è sorta a me: ma se non c’è la guerra, allora dov’è il MIO cuckqueaning? Dov’è la mia rivalsa se lei mette già in conto all’inizio che mi adora-rispetta e che non vorrebbe mai mettersi di mezzo? Beh, questo è tutto da vedere.

Entrambi studiano insieme praticamente ogni giorno, e ultimamente è capitato che lei gli chiedesse delle uscite che esulavano dalla comitiva che avevano formato a lezione.
Ieri sera ad esempio, lei doveva andare in piscina (vicino casa nostra) e gli ha chiesto di uscire per fumare insieme una sigaretta, lui mi dice che sarebbe tornato entro mezzora ma di fatto ci ha messo un’ora. Lì per lì sono rimasta delusa dal fatto che non avevano fatto altro che parlare, e neanche di cose troppo interessanti, ma poi lei alle 9 gli aveva scritto dicendo che la piscina chiudeva e non sapeva proprio cosa fare; Lui le propone una chiamata per tenerle compagnia mentre tornava a casa, e così è stato. Mi ha avvicinato la cornetta per farmi sentire la sua voce (soffiata, bassa di timbro, senza particolari accenti; totalmente diversa dalla voce della prima Mare), ma dopo poco si è seduto di fronte a me e ha parlato tranquillamente. Io ho passato il mio tempo al pc senza stare a badare troppo alla chiamata, avevo ancora addosso la sensazione di frustrazione per il mancato successo dell’uscita di prima, così non volevo più mostrarmi così tanto eccitata.
Alla fine della telefonata mi dice che qualcosa di interessante effettivamente ha detto, perchè parlando del ragazzo con cui si sta frequentando ora, che si lamenta di non vederla quasi mai, lei ha ammesso tranquillamente che in realtà ultimamente è con il mio Lui che lei sta uscendo. Mettere in paragone lo pseudo fidanzato con Lui che ha conosciuto da poco ma con cui sente di avere del feeling, giocare sulla battuta “uscire insieme” come se fosse la frequentazione di una coppia…
Andiamo a letto io e lui, non senza sfogare in una scopata tutta l’eccitazione accumulata in giornata (e mi rendo conto che ogni volta che dopo averla vista torna con la voglia; ancora non mi sono abituata a questa cosa che a Lui ecciti davvero farmi le corna).

Stamattina è uscito presto per passare la mattinata indovinate con chi? Ovviamente con lei! Per studiare insieme per l’esame e…
Qui copio un pezzo che avevo già scritto per email per raccontare a caldo cos’avevo sentito quando lui, una volta tornato a casa all’ora di pranzo, mi aveva raccontato della mattinata.

Mi chiede di mettermi una mano negli slip ma per via dell’ansia avevo le mani umide e gelide, non potevo assolutamente farlo senza soffrire, così mi dice di appoggiarla sopra i jeans, ma di spingere un pò in modo da avere un pò di stimolazione. Lo faccio e lui inizia.
Partendo dall’inizio, loro hanno fatto velocemente colazione e poi si sono messi a studiare, ma la parte interessante arriva un pò dopo quando tra le varie chiacchiere iniziano a parlare di argomenti un pò privati.
Lei ha parlato dei suoi gusti sessuali, del fatto che il miglior partner è stato il suo ex, che con il tizio con cui si frequenta ora c’è compatibilità psicologica ma non fisica. Lui le ha detto i propri gusti, le ha detto di essere dominante, di provare con me tantissime cose.
Ancora prima lei aveva detto, sapendo di un altro hobby che abbiamo entrambe, che si sarebbe potuta innamorare di me e che doveva assolutamente conoscermi. Lei dice che devono assolutamente vedere un film al cinema, “Amici di Letto” (in uscita prossimamente, con protagonista Justin Timberlake; è la copia sputata del film “Amici, Amanti, e…” con Ashton Kutcher e Natalie Portman: è la classica storia di due amiconi che scelgono di iniziare un rapporto di solo sesso ma ben presto si innamorano e vissero tutti felici e contenti) e di lì salta a dire che vorrebbe tantissimo provare l’esperienza dell’avere uno scopamico.
Solo un caso che l’abbia detto a lui?
Lui allora coglie la palla al balzo e dice che lui ha già provato, che è effettivamente una figata. Lei dice che aveva uno scopamico ma era già fidanzato, lui risponde che il fatto di essere fidanzato non impedisce di avere scopamici finchè c’è l’accordo tra i partner.
E che cosa fa qui Lui? METTE NOI COME ESEMPIO.
Che lui è già stato con altre perchè tra di noi c’è l’accordo, lei chiede se anche io vado a letto con altri e lui dice che no, io non vado a letto con altri perchè la cosa non piace a me e tanto meno piace a lui. Implica quindi che se lui va con altre è perchè ci piace fare così. Non aggiunge altro, ma le ha detto chiaramente che sono cornuta e consenziente. Lei non fa una piega, non dà giudizi morali ne niente, sembra solo particolarmente interessata (lui mi diceva che lei stava giocando con la scollatura del maglione e lui non ha avuto problemi a farsi sgamare mentre le dava occhiate al seno). Parlano di metacomunicazione, continuano il discorso delle reciproche esperienze, lui sottolinea il fatto che non vorrebbe mai nessuna a parte me, che io e lui viviamo e proviamo le cose sempre insieme, che nella nostra coppia è stata eliminata la possibilità di tradire perchè ci diciamo tutto e decidiamo sempre insieme di provare cose nuove ecc.
Arrivano poi davanti alla piscina (lei doveva andare lì) si salutano, ma poi lui torna indietro e le dice che quello che si son detti oggi deve rimanere tra di loro, lei risponde che non si sarebbe mai sognata di dirlo a qualcuno, lui le aggiunge che gliene ha parlato perchè la ritiene una ragazza particolare/speciale e lei che fa? Gli butta le braccia al collo dicendo che è stato il destino che li ha fatti incontrare (giusto un attimino melodrammatica). Lui la stringe a sè un paio di volte, poi si salutano.

 

Ci tengo a precisare che non ha mancato di dirmi quanto è stato piacevole sentire il suo corpo schiacciato contro di Lui.
Ora, questa è la situazione in cui eravamo oggi pomeriggio.
Abbiamo scopato di nuovo, credo che ad entrambi manchi ancora la capacità di organizzare coerentemente questo gigantesco flusso di emozioni.
Lei voleva uscire di nuovo con lui nel pomeriggio, ma Lui ha preferito studiare a casa con me (e la cosa mi ha fatto decisamente piacere, non volevo cadere nel dejavù della prima Mare dove non riuscivo mai a vederlo). Aveva intenzione di chiamarla durante la sera, ma si sono sentiti per qualche secondo per parlare dell’esame che hanno domani.
Già, domani.
Dopo l’esame, lei cosa farà per festeggiare? Dice che non sa come passare la serata, e chiede Lui che idee ha.
Mi ha chiesto di uscire in modo da conoscerla, ma se domani loro avranno un pò di respiro prima del prossimo esame, io sono invece ancora in pieno regime di studio e non posso permettermi di stare in giro a bighellonare, così l’unica cosa da poter fare è semmai farla venire a casa, vederci un film e poi non so. Lui la riaccompagnerà a casa? Lei se ne andrà da sola? Lei mi chiederà qualcosa del cuckqueaning? Lui vorrà che io glielo dica apertamente?

Situazione totalmente nuova. Dovrei conoscerla in veste di amica con cui lui potrebbe finire a farci qualcosa per il gusto di farla. AMICA che mi apprezza, mi stima, e potrebbe essere felice di realizzare il proprio sogno di avere uno scopamico e di rendersi utile alla nostra causa senza tentare di versarmi del cianuro nel bicchiere d’acqua.
Ceeeeeeeeerto.

 

P.s. E sono di nuovo pubblicamente cornuta!!!

Le Corna Romantiche

Standard

Aggiornamento decisamente breve, ma avendo tempo a disposizione, perchè no?
Durante la notte appena trascorsa io e Lui abbiamo un pò messo in chiaro quello che avevo scritto nel precedente post. Apprezzo moltissimo il fatto che lui si prenda sempre del tempo per leggere cosa scrivo, per cercare pensieri che soltanto qui riesco a fermare ed organizzare perchè nel turbinìo quotidiano si spezzano in tanti frammenti sparsi; viene qui e può quasi sempre aspettarsi un diverso punto di vista, un’idea più articolata, qualcosa che riesce meglio a comprendere. E da quello che ho scritto ha estratto una nuova linea di condotta che si avvicina a quello che al momento non solo vorrei maggiormente, ma che è anche più adatto al tipo di vita che stiamo facendo.

Mentre eravamo a letto che chiacchieravamo in attesa del sonno, dal nulla mi ha detto, guardandomi fisso negli occhi “Sai, a me piace davvero farti le corna”. Totalmente inaspettato, sono rimasta ad ascoltarlo con il cuore che iniziava a martellarmi nel petto. Ha ribadito che il cuckqueaning è qualcosa che sempre di più gli piace, perchè sta diventando qualcosa di esclusivamente nostro, personalizzato ed insostituibile. Come già dicevo, funziona solo tra me e Lui, non saremmo in grado di replicarlo con altri, nè tantomeno ne avremmo la voglia.
Così mi ha parlato dei suoi sentimenti, lasciandomi a pendere dalle sue labbra per più di un’ora. Metà del mio cervello era impegnato ad ascoltarlo, l’altra metà gongolava nella consapevolezza che ero affamata delle sue parole come mai lo ero stata prima. E mi stupisco perchè penso sempre di essere arrivata ad un livello di ‘consapevolezza’ di lui sufficiente a considerarmi esperta nelle nostre comunicazioni, ma poi lui di volta in volta riesce sempre a spostarsi un gradino più in là, e io man mano che lo seguo lo guardo con un desiderio ed una fiducia nuovi ogni volta.
Di fare sesso con un’altra in questo periodo non se ne parla: i nostri impegni ci mangiano via, e quei pochi momenti liberi che abbiamo vogliamo passarli tra di noi; però “…Ho voglia di flirtare, di corteggiare, concedere attenzioni e farti ingelosire”. Poteva accogliere maggiormente le mie tacite richieste? Dubito. “Anche se non ti masturbi, fammi un piacere, metti comunque una mano nelle mutande”, e mentre mi chiedevo dove stesse andando a parare eseguivo, e lui mi conduceva verso fantasie tinte di un’altra tonalità, aventi il gusto del Progetto più che dell’Immaginazione, il tono del discorso serio più che di quello eccitato.
Abbiamo parlato della possibilità per lui di avere degli appuntamenti, senza fini sessuali, ma proprio perchè privi dell’ultimo atto fisico, carichi di romanticismo. Abbiamo fantasticato per più di mezzora su un appuntamento al cinema, con io seduta un pò dietro a sbirciare la loro intimità mentre guardano un film. Anche dei regali che lui potrebbe farle, trascinandosi dietro me che in veste di Amica lo aiuterei a scegliere il completo intimo più adatto ad una ragazza per lui speciale.
Le sue parole erano così calme e dolci, così sincere in contenuto e forma, che l’ansia si è presto trasformata in un sentimento di gelosia calmo e avvolgente; avvertivo il suo amore per me e contemporaneamente il paradosso per il fatto che non ero l’oggetto di quelle parole. La forma amorosa era per me, il contenuto per un’altra.
Quando mi sono voltata di spalle a Lui per sistemarmi più comodamente, ho notato quanto fossi bagnata. Anche questa per me è una prima volta, giacchè solitamente il discorso cuckquean subentra DOPO, quando già sono eccitata per cavalcare l’onda; questa volta invece l’onda l’ha provocata il discorso stesso, senza che nemmeno me ne accorgessi.
L’orgasmo che ne è seguito ha avuto come oggetto il confronto del mio corpo con quello dell’amante, dove il mio si differenziava per caratteristiche prettamente infantili. Non il mio argomento preferito (non perchè mi infastidisce, ma perchè non mi eccita), ma il punto era ovviamente un altro.

La chiacchierata di ieri mi ha fatto venire la voglia di iniziare di nuovo a giocare, ma con la promessa che sarebbe stato tutto diverso rispetto a giugno.
La forma del mio cuckqueaning deve ancora rivelarsi, o meglio, devo ancora costruirla, ma non vedo l’ora di scoprire se questa è una strada migliore rispetto alla precedente.

Durante l’università

Standard

E’ praticamente concluso il primo periodo all’università, mi mancano soltanto gli esami nella prima settimana di novembre.
Serve a qualcosa dirlo “qui”? Sì e no.
L’università è il mondo in cui sia io che il mio fidanzato ci siamo immersi, e che ci piaccia o no, per almeno tre anni sarà questa la realtà che affronteremo e in cui ci dovremo muovere.
In che modo riusciremo ad incastrare tutto ciò che la nostra realazione è, si vedrà.

La quotidianità di questi mesi è molto diversa da quella di quest’estate e ancora prima della primavera: io e Lui ci vediamo pochissimo, avendo orari diversi; entrambi restiamo a studiare fino a tardi; di tempo per ritagliarci un pò di intimità ce n’è poco o niente.
Il cuckqueaning resta qualcosa cui la mia mente si rivolge spessissimo. In questi mesi ho avuto modo di fondere la familiarità che ho sempre avuto nel pensare al tradimento, con le sensazioni ormai familiari della strada che abbiamo ufficialmente intrapreso quest’estate. Ne parlavamo in questi giorni, e anche per Lui il cuckqueaning è qualcosa che sta caratterizzando fortemente la nostra relazione; non nel senso che è l’unica cosa che ci contraddistingue, segno che prima di questa esperienza eravamo un altro genere di coppia, ma nel senso che è stata la formalizzazione di ciò che già eravamo, una costruzione più strutturata di cose che prima erano sparse. Il cuckqueaning è tra di noi come anche il rapporto bdsm lo è, e lo si avverte in ogni livello di comunicazione che abbiamo.
Pur non essendo una coppia che pratica 24/7, in ogni momento io avverto il desiderio di inchinarmi a lui, così come avverto chiaramente la mia posizione di sub (pur mantenendo il mio carattere decisamente poco usuale per una sottomessa); allo stesso modo, per me è naturale sentire e sapere che entrambi siamo invischiati in questo “gioco”. Cos’altro ci si poteva aspettare da due persone come noi? Sono arrivata a pensare che sia stata un’evoluzione assolutamente naturale, non sarebbe potuta andare diversamente.
Penso anche che non sarei una cuckquean con nessun altro, dovessimo lasciarci non ricercherei questa dinamica, perchè è qualcosa che riguarda esclusivamente me e Lui. Le corna sono per lui, non sarei disposta a concederle a nessun altro.

Lui mi dice che questa è una fase molto introspettiva, nella quale stiamo razionalizzando quello che abbiamo provato quest’estate e lo stiamo riorganizzando per migliorarlo.
Mi chiedo come sarà con la prossima amante. Starò ancora così male? Proverò ancora quel panico cieco? Per quanto una dose di paura-rabbia-delusione-insicurezza ci debba sempre essere, voglio arrivare a cavalcare l’onda piuttosto che farmi travolgere da essa. Voglio l’adrenalina, ma voglio anche il controllo di ciò che mi sta intorno. Voglio buttarmi da un ponte sapendo che ho un elastico attorno alla caviglia.

In questo breve periodo non si può dire che non stiamo proprio facendo nulla.
Mi scontro con il pensiero comune che se lui non è nel letto di un’altra e io non sto grondando di piacere, allora non stiamo facendo cuckqueaning.
Ma è davvero così?
C’è davvero bisogno del sesso per affermare di avere le corna?
Ricordo sorridendo il primo san Valentino passato con Lui, quando eravamo dei mocciosetti. Abitando in due diverse città, avrei voluto prendere il treno e andare da lui ma non potendolo fare speravo almeno di stare un pò al telefono con lui. Invece lui andò a casa di una sua compagna di classe di cui sapeva che ero gelosa, senza i suoi genitori presenti, per aggiustarle il pc. Fu un pomeriggio tranquillissimo, col senno di poi, ma io non provai forse quell’agghiacciante sensazione di abbandono? Di essere stata messa da parte? Non spesi l’intera nottata costruendogli un regalo che ancora oggi conserviamo con affetto? Non mi tolsi il sonno per farlo sentire in colpa della sua assenza, mostrandogli tutta la mia devozione mentre lui era andato da un’altra?

Ieri gli ho chiesto di salutare una sua amica dell’università abbracciandola, in modo tale da far rimanere un pò del suo profumo addosso a lui. Essendo stata una giornata estremamente ventosa, ieri invece l’ha invitata a prendere un caffè con Lui e le ha dato i suoi guanti, così che non prendesse freddo sulla strada per casa.
Non mi sono forse sentita soddisfatta da questo gesto come se avesse davvero fatto qualcosa che normalmente non dovrebbe? Qual è il confine che stabilisce cosa puoi fare con una fidanzata e cosa con un’amica? E se hai una fidanzata, con l’amica come si deve comportare? Ci sono cose che da single con un’amica puoi fare e se sei fidanzato invece no?
Gioco con questi limiti ultimamente, perchè non abbiamo materialmente il tempo di organizzare del sesso, eppure mi sento piacevolmente avvolta da quella coperta che conosco bene, quando lui rivolge queste attenzioni ad un’altra. Che lei sia sinceramente un’amica e lui sinceramente disinteressato non ha molta importanza, perchè come cuckquean mi nutro di fatti, a volte anche spontanei e che non hanno valore per nessuno se non per me.
Mi piacerebbe più avanti che organizzassero delle uscite, magari raccontando che io sono impegnata. O che lui l’accompagnasse sotto casa (questo è figlio dei troppi manga per ragazze che ho letto!), o che le facesse qualche regalo ogni tanto. Senza pretendere che poi se la porti a letto (lei, come anche qualsiasi altra). Al momento è come se volessi cullarmi in questi piccoli gesti che pizzicano a malapena, l’unico lato negativo è che essendo così piccoli non riesco a farmi raccontare niente; quanto si può dire su un paio di guanti prestati? Beh, probabilmente io ne scriverei pagine su pagine, ma non posso pretendere che sia così anche per Lui.

Oltre al sesso, c’è tutta un’impalcatura di gesti e accortezze che mi sono riservate in quanto ‘amata’. Alcune di queste mi piace vederle appiccicate su altre, perchè anche senza il sesso riescono a provocarmi delle leggere fitte di gelosia, una malinconia come se stessi guardando l’uomo che amo con la sua fidanzata e invidiassi quello che vorrei fosse mio.
Prendo piccoli pacchetti meravigliosi che Lui mi regala, e li offro all’amica che per lui più si addice a riceverli.
Probabilmente non sono mai stata così altruista in tutta la mia vita.

P.s. Aggiornamenti con la prima Mare.
Scopro che il suo fidanzato ce l’ha a morte anche con me (non dovremmo volerci bene perchè siamo sulla stessa barca?!) e costringe lei a togliermi dalle amicizie di facebook. Lei tramite il fratello si scusa con me. Qualsiasi contatto con lei ora è reciso, non posso più nemmeno divertirmi a leggere i periodi in cui si vedeva con Lui.

 

P.p.s. A sorpresa nell’ultima scopata che abbiamo fatto, Lui ha riproposto una fantasia cuckquean. Mi ha chiesto di mettermi a pancia in giù con una mano a toccarmi, si è steso sopra di me e ha iniziato a raccontarmi nell’orecchio di una scena in cui io facevo da materasso all’amante mentre lui la scopava. Mi spingeva in modo da mimare la penetrazione e mi sembrava di poterla davvero vedere e sentire. Ha giocato un pò con la parte “lei mi dice che mi ama”, ed è un terreno che in fantasia non trovo affatto scivoloso, anzi, è una cosa che trovo sadicamente piacevole (più lo ama, più si ritrova effettivamente con nulla in mano, volendo ben altro oltre il sesso). Confermo che i momenti più eccitanti sono quelli in cui lui dice di stare godendo, che la trova fantastica ecc, ma sto conoscendo un pò di cuck che hanno il mio stesso punto di vista, ossia vedere l’amante come un semplice strumento per rimanere ‘indignati’ del piacere che il partner sta provando.

Temevo fosse passato troppo tempo dall’ultima volta in cui mi ero masturbata così, che non sarei riuscita a raggiungere l’orgasmo. Invece mi sono scoperta a ritardare il tutto perchè volevo continuare ad ascoltare la sua storia, delusa dopo il cilmax che fosse tutto già finito.

Il Nulla. E il Coming Out.

Standard

Dopo più di un mese torno a scrivere.
Gli ultimi disordinati giorni di vacanza e l’inizio dell’università mi hanno tenuta così impegnata che non sono riuscita a ritagliarmi abbastanza tempo per scrivere.
Anzi, il tempo per scrivere ce l’avevo, quello che mi mancava (e mi manca tuttora) è qualcosa DI cui scrivere.
Presa da sempre maggior sconforto per l’inerziosa inoperosità che si è trascinata in questi ultimi tempi, volevo aspettare di aver qualcosa di “intrigante” da raccontare.
Poi un mio caro amico mi ha fatto notare che in realtà potevo scrivere anche di questo.
Quindi eccomi qui a raccontare una piccola parentesi che viene tendenzialmente ignorata perchè viene totalmente surclassata dall’esperienza sessuale cuckquean, e che chiamerò con l’evocativo titolo “Il Nulla”.

Parlo di quel/quei periodo/i di tempo in cui…non accade niente.
Ti stai martellando il cervello con film-libri-canzoni-racconti-fantasie-masturbate-progetti e poi il nulla. Te ne accorgi troppo tardi, quando ormai hai abbastanza lucidità da razionalizzare quello che hai vissuto in un passato ormai prossimo, e inizi a farti venire l’ansia man mano che vedi aprirsi la porta “Remoto”.
Succede per motivi anche stupidi; magari ti è solo venuto il ciclo e gli ormoni per quel mese ti hanno preparato il cocktail “romanticismo e lieto fine” e proprio non ti va di vedere uomini che tradiscono le loro innamoratissime mogli. Ti lasci andare un attimo alla seconda personalità, quella ‘dolce’, lasciando cadere in un sonno relativamente profondo la personalità ‘puttana’, e continui con le tue giornate come se niente fosse. Però un giorno te ne accorgi.
Un giorno ti metti a leggere qualche racconto cuckquean, com’eri solita fare (com’era solita fare quella parte di te che ora giace sotto tonnellate di romanticismo sfrenatamente e letalmente zuccheroso): lei fa da autista al marito e all’amante, va un pò in panico perchè non riesce a trovare posteggio e si sente esclusa dal loro gioco perchè non stanno certo aspettando che lei possa girarsi a guardare; poi una volta arrivati a casa lei dice a lui come si sta sentendo, lui la rassicura ed finiscono col fare praticamente sesso a  tre.
Una storia con il lieto fine, quasi come leggere un romanzo in miniatura. C’è l’obiettivo iniziale da perseguire, l’ostacolo, il climax con la catarsi, ed infine la risoluzione.

Avverti una sensazione di freddezza, e ti rendi conto di essere lontanissima da quel mondo. Ti sei allontanata al punto da non riuscire più ad empatizzare. Cos’ha provato lei? Quanto era grande la sua ansia? La sua angoscia? La sua eccitazione?
Ti accorgi che tutto l’universo cuck di cui ti eri circondata è andato avanti e ti ha lasciata indietro.
Ti sforzi di visualizzare il tuo fidanzato insieme ad una donna X, ma ti sembra di guardare il fotogramma di un film in bianco e nero. Cerchi di dare colore e movimento, così c’è lui che la fa appoggiare sul tavolo e si incastra tra le sue gambe che intanto gli cingono la vita, eppure lui risulta come immerso in un ricordo lontano. Aggiungi allora la penetrazione, i gemiti di lei, lo sguardo di lui, il respiro di entrambi.
Non senti ancora niente di piacevole ma ti è un pò salita la nausea.
Da un lato pensi “Oddio ma che cosa ho fatto”, dall’altro ti sta salendo la frustrazione perchè non è la reazione che dovresti/vorresti avere.
Lotti per scrollarti di dosso quella sensazione di disgusto tipicamente post-onanistica e cerchi di raccapezzarti tra i centinaia di ricordi cuck che ora ti sembrano stati impiantati da un estraneo. Hai davvero fatto quelle cose? Ti sei davvero toccata ricordando i racconti di lui con la sua piccola amante? Hai davvero assaporato con malizia il ricordo dei suoi sms che ti confermavano il suo adulterio?

Mi sento fuori dal mondo, come se mi stessi aggrappando disperatamente a qualcosa che non mi appartiene più, ma che voglio torni mio.
Voglio tornare a progettare e ritornare su quel sentiero che tanto duramente ho battuto.
Sono spaesata, continuo a dirmi che sono una Cuckquean anche se tutto questo tempo nella culla della relazione per me perfetta mi ha sensibilizzata nuovamente a tante cose che prima avevo imparato a sopportare. Quanto sarà forte l’impatto, una volta che tornerò ad avere il mio amato tra le braccia di un’altra?

In questo mese è stato accantonato anche il mio lato sub, l’ultima cosa che stavamo provando era un piccolo atto di oggettificazione, usandomi come ‘cestino sperma’ (vantaggi ufficiali: l’idea che lui mi usi per riversarmi addosso il prodotto di una masturbata dettata da puro capriccio è intrigante, perchè è un lato di lui che non conosco; vantaggi ufficiosi: per un’accidiosa come me è il massimo poter starmene semplicemente stesa e sapere che Lui sta godendo comunque), ma poi tutto l’universo “scopare” è stato sostituito da quello “fare l’amore”.
Non che la cosa mi sia dispiaciuta, anzi. Tuttavia, per il periodo preparatorio all’adulterio ho sempre pensato fosse più utile utilizzare un approccio più…coercitivo diciamo, per spingere un livello di abbandono e di eccitazione sempre maggiore; il romanticismo sarebbe forse terapeutico in tutta la fase interna all’adulterio, per veicolare conferme e coccole.
Tutte queste però sono mere speculazioni davanti al fatto che: siamo in attuale stallo.

Nella storia si sono viste un pò ovunque mogli che attendevano stoiche che i loro mariti si ravvedessero e tornassero a casa. Io sto stoicamente attendendo che lui la testa la perda di nuovo, e possa regalarmi un altro orrendo affronto.
Forse questa piccola pausa mi ha anche aiutata a capire un pò cosa voglio. Ho la scelta di poter continuare con la mia vita come se nulla fosse mai successo; semplicemente lascerei sprofondare quei ricordi al punto da scambiarli per fantasie o per frammenti di una vita estranea.
Ma posso anche respirare a fondo, inginocchiarmi davanti allo scrigno maledetto, e riaprire il vaso di Pandora.

P.s. L’altro ieri ci siamo trovati a casa di un nostro amico, e abbiamo rivisto Lei per la prima volta dopo il compleanno del nostro amico (rivedere il post Stazione Umiliazione). Come al solito mi aspetto una gara che non avviene, un minimo per ravvivare una serata che poteva essere ben più interessante.
Appena arriva mi trova già seduta sul divano con tutti gli altri, lei ignora forzatamente Lui fin quando non le fa una battuta e lei non inizia a fissarlo disperatamente. Non osa sedersi con noi, io decido di fare la prova del 9 dicendo che avevo una chiamata da fare e me ne vado sul mini terrazzo.
Come volevasi dimostrare, lei si siede al centro del divano e inizia a parlare e scherzare. Passano 10 minuti e ritorno in salotto, lei cala nuovamente nel silenzio più assoluto. Io presa da una voglia matta di torturarla un pò, propongo di andare giù in camera a vederci un film tutti insieme, ma lei nel giro di 5 minuti netti scappa via dicendo che doveva andare a dormire.
Seguono 2 giorni in cui posta link ambigui sul suo stato confusionale su facebook.

Aggiornamento dell’ultimo minuto:
scopriamo che la nostra CuckMare, la prima amante, effettivamente si era fatta scoprire dal suo fidanzato (e questo conferma definitivamente il motivo del suo improvviso distacco, proprio dopo la sua dichiarazione), e le era stato vietato di rivedere o riparlare col mio Lui. Ecco perchè nella serata di cui sopra, lei è dovuta scappare via, come se ci fossero delle telecamere nascoste installate in casa che avrebbero testimoniato che lei si era trattenuta con Lui presente.

La cosa divertente è che non solo il suo tradimento è stato reso pubblico alla sua combriccola, ma lei piangendo l’ha anche raccontato alla propria madre!
Stavo ancora ghignando per il fatto che lei aveva sbandierato quanto fosse stata usata come ciambella col buco a mezzo mondo quando ho realizzato…

sono pubblicamente cornuta.

 

 

 

 

Metacomunicazione

Standard

Premetto che questo articolo è frutto dei miei studi privati, indi per cui non è permesso il riutilizzo e/o il copia-incolla senza il mio permesso.

 

Probabilmente questo è l’argomento più importante che potrei mai trattare sul blog, e non ho la presunzione di concluderlo in un solo post. Avviso già da ora che se ne sentirà parlare più volte, sempre in maniera diversa ma sempre sottolineandone l’enorme importanza.
Quello che scriverò qui vale come mia personalissima opinione e non vuole essere un messaggio di Verità ultima. Leggetelo come un altro punto di vista abbastanza interessante da poter essere preso in considerazione. Per il resto, ognuno sceglie di vivere come preferisce.
Come dichiarazione d’intenti, vorrei evidenziare la mia assoluta convinzione che tutto il palcoscenico del bdsm/fetish può reggersi in piedi in modo sano e duraturo attraverso una singola azione: la Metacomunicazione.
Ora che ho specificato la mia tesi, prima di mettermi d’impegno ad argomentarla, vi regalo una digressione per capire bene di cosa si sta parlando.

Prendiamo due persone: Fabio e Patrizia. Stanno insieme, non stanno insieme, si conoscono, non si conoscono, sono amici, sono nemici; sono tutte cose che decideremo di volta in volta con gli esempi. I concetti che vi presenterò potrebbero essere caotici e troppo vicini, chiedo venia.

Il concetto base è che nel momento in cui Fabio comunica un messaggio a Patrizia, il processo comunicativo non è finito qui. Si inserisce il concetto di retroazione, laddove una volta comunicato qualcosa da A a B, B con la sua risposta modificherà a sua volta A.
Dato per certo che NON SI PUO’ NON COMUNICARE (il cercare disperatamente di non comunicare -anche con il linguaggio del corpo- è in realtà veicolo di un messaggio chiarissimo “non voglio comunicare”), la nostra vita è totalmente immersa nella comunicazione e nelle sue retroazioni.
Immediatamente agganciato alla retroazione è il concetto di equilibrio omeostatico, che reagisce a qualsiasi cambiamento facendo in modo che resti intatto l’equilibrio precedente al suddetto cambiamento. Un esempio? Consideriamo un individuo disturbato psicologicamente e la sua famiglia. Non è così raro che nel momento in cui l’individuo migliora e/o guarisce, qualcun altro in famiglia si ammala. Se consideriamo come l’equilibrio di quella famiglia comprendesse la presenza dell’elemento disturbato per permettere a tutti gli individui di relazionarsi in un certo modo, l’assenza di questo anello porta al processo omeostatico atto a trovare immediatamente un rimpiazzo. Questo vale per qualsiasi diade-triade o rapporto con più persone; l’equilibrio non è affatto detto che rispecchi quella che è la nostra idea di ‘stabilità’, ‘armonia’, ‘pace’. In una famiglia con la figlia schizofrenica, il padre assente e la madre iperprotettiva, i ruoli sono perfettamente incastrati e funzionanti, e l’equilibrio è assicurato da loro stessi; non solo, vi dirò anche che il loro equilibrio è ben più saldo di quello di una famiglia ‘sana’, in quanto le loro regole e la loro dinamica è ben più fissa ed immutabile delle altre. Vien da sè la considerazione che una comunicazione sana si adatta ai cambiamenti, ma i confini tra il giusto e lo sbagliato qui sono labili ed etici, perciò mi limiterò ad esprimere la mia idea senza cercare di condannare qualcuno.
Considerando invece il rapporto tra due persone, ci rendiamo subito conto quanto spesso e volentieri siamo impegnati nel dare una punteggiatura agli eventi. Prendiamo Fabio e Patrizia, che finalmente possono iniziare a fare il loro dovere in questo post. I due litigano in continuazione: lui accusa lei di essere isterica ed aggressiva, cosa che lo porta ad essere freddo e distaccato per trovare pace; lei accusa lui di essere freddo e distaccato, cosa che la porta ad essere isterica ed aggressiva per attirare disperatamente l’attenzione. Non serve una grande immaginazione per capire l’impasse in cui si sono vicendevolmente intrappolati.

Marito: (al terapeuta) So ormai per esperienza che se voglio la pace in famiglia non devo intromettermi perchè mia moglie vuole fare le cose a modo suo.
Moglie: Non è vero! Quanto vorrei vederti prendere qualche decisione o avere un pò più di iniziativa almeno una volta ogni tanto perchè…
Marito: (interrompendola) Non me lo permetteresti mai.
Moglie: Sarei contenta di lasciarti fare – ma se ci provo, non muovi neanche un dito, e allora devo fare tutto io all’ultimo momento.
Marito: (al terapeuta) Capisce? Uno non può occuparsi delle cose se e quando c’è bisogno – tutto deve essere pianificato e organizzato una settimana prima.
Moglie: (con rabbia) Fammi un solo esempio. Dì quand’è stato che hai fatto qualcosa negli ultimi anni.
Marito: Non ho nessun esempio da fare, perchè è meglio per tutti, anche per i bambini, se ti lascio fare a modo tuo. E’ una verità che ho scoperto molto presto dopo che ci siamo sposati.
Moglie: Sei stato sempre così, da quando mi ricordo – le decisioni le hai lasciate sempre a me!
Marito: Santo cielo, adesso mi tocca sentire anche questa (pausa, poi si rivolge al terapeuta) – ecco cosa dirà, dirà che stavo sempre lì a chiederle cosa voleva – per esempio “dov’è che vuoi andare stasera?” o “come ti piacerebbe passare il week-end?” e invece di capire che cercavo di farla contenta, si arrabbiava…
Moglie: (al terapeuta) Già, però quello che ancora non capisce è che se una sente un mese dopo l’altro la stessa sinfonia “tutto – quel – che – vuoi – cara – per – me – va – bene” una comincia a capire che a lui non gliene importa niente di quello che una vuole… [Watzlawick, Beavin, Don D. Jackson, “Pragmatica della comunicazione umana”, Roma Astrolabio (1971), p.86-87]

Tutto questo ci porta all’importante concetto della ‘profezia che si autodetermina’ […] che dal punto di vista dell’interazione è forse il fenomeno più interessante nel settore della punteggiatura. Nella comunicazione, il ‘dare la cosa per scontata’ si può considerare l’equivalente della ‘profezia che si autodetermina’. E’ il comportamento che provoca negli altri una reazione alla quale quel dato comportamento sarebbe la risposta adeguata. […] L’aspetto tipico della sequenza (che poi è ciò che lo rende un problema di punteggiatura) è che l’individuo in questione crede di reagire a quegli atteggiamenti e non di provocarli. [Watzlawick, Beavin, Don D. Jackson, “Pragmatica della comunicazione umana”, Roma Astrolabio (1971), p.88]

Una quantità imbarazzantemente grande di conflitti nelle coppie nascono proprio da un’errata punteggiatura, o ancor meglio dalla pretesa di inserire una punteggiatura ad un livello troppo maturo cronologicamente (relativamente al conflitto) per poterlo davvero fare. Se Fabio urta un vaso e Patrizia urla perchè era il regalo di sua nonna, non facciamo nessuna fatica a comprendere la punteggiatura; Fabio potrà scusarsi (e magari lamentarsi un pò perchè il vaso era in una posizione già di per sè precaria) e lei potrà sospirare e raccogliere i cocci (o magari tenergli il muso, non ha importanza).
Tuttavia questa possibilità non c’è sempre: a volte è talmente sottile la ragnatela che ha invischiato i comunicanti con un lento crogiolamento, che diventa assolutamente irrilevante porre una punteggiatura, perchè oramai entrambi hanno alle spalle lo stesso bagaglio e ne sono responsabili in egual modo.
Ha senso allora concentrarsi sull’analisi della loro situazione attuale e al modo per uscire dalle corde con cui si sono intrappolati. Ma facciamo una cosa per volta.

L’ultimo grande concetto che ci manca per poter trattare in modo soddisfacente l’argomento è quello di Metacomunicazione, per l’appunto. Dall’inizio del post non ho fatto altro che parlare di alcuni meccanismi della comunicazione, con relativi esempi laddove l’ho ritenuto necessario. Durante tutto questo post comunicherò sulla comunicazione: ergo metacomunicherò.
La necessità di definire la metacomunicazione è essenziale, perchè mai come in questo campo i livelli si mischiano. Se sto facendo una dimostrazione matematica e qualcuno mi fa una domanda, utilizza la lingua che padroneggia meglio al momento (può essere la sua lingua madre o l’inglese, se si trova in uno scambio culturale, o in qualsiasi altra lingua adatta alla circostanza). Se voglio fare una domanda riguardante la comunicazione, utilizzo la stessa lingua che uso quotidianamente, e le possibilità di creare ambiguità sono moltissime, perchè non c’è più alcuna distinzione tra la lingua che uso per comunicare e tra quella che uso per comunicare sulla comunicazione.
Comunicare sulla metacomunicazione è un livello ancora successivo, replicabile teoricamente all’infinito.
Ora, la metacomunicazione è essenziale per riuscire a chiarire la natura della relazione in corso tra due o più persone, così come per chiarire i ruoli di potere che ci sono all’interno.

I coniugi erano ricorsi allo psichiatra per i litigi (talvolta anche violenti) che scoppiavano tra di loro e che li lasciavano profondamente preoccupati perchè sentivano di aver fallito tutti e due come coniugi. Erano sposati da ventun anni. Il marito era un uomo d’affari di successo. All’inizio dello scambio verbale che riproduciamo, la moglie aveva solo osservato che per tutti quegli anni di matrimonio non aveva mai saputo in che rapporti fosse col marito.
Psichiatra: Lei vuole dire che avrebbe bisogno di ricevere da suo marito qualche indicazione per sapere se è contento di quello che lei fa.
Moglie: Sì.
Psichiatra: Ma suo marito non le fa delle osservazioni, positive o negative che siano?
Marito: E’ raro che io le faccia osservazioni…
Moglie: E’ proprio raro…
Psichiatra: Allora come- come sa che…
Moglie: (interrompendolo) Lui fa solo i complimenti. E’ questa la cosa che sconcerta. Mettiamo che mi si bruci qualcosa che ho cucinato -lui dice che è proprio ‘buono, molto buono’. Ma se preparo un piatto che è veramente buono, lui ripete la stessa frase: ‘Buono, molto buono’. Gliel’ho detto che non capisco quand’è che mi critica e quando mi fa i complimenti. Ma lui pensa che i complimenti mi spingano a far meglio, così quando proprio me li merito lui è al sicuro (li fa sempre). Stanno così le cose…Il valore dei complimenti l’ho perduto.
Psichiatra: Lei vuol dire che non sa in che rapporti è con una persona che le fa smepre i complimenti…
Moglie: (interrompendolo) No, io non so più quando è che mi critica e quando sono veri i complimenti che mi fa.
Anche se i coniugi sono entrambi pienamente consapevoli dello schema in cui sono impigliati, alla fine la consapevolezza non li aiuta a fare qualcosa che uscirne. [Watzlawick, Beavin, Don D. Jackson, “Pragmatica della comunicazione umana”, Roma Astrolabio (1971), p.76]

Prendiamo ancora Fabio e Patrizia, e diciamo che lui sia il Master e lei sia la slave; lei è stata ‘collarizzata’ due mesi prima, e come moltissimi fanno, hanno stilato un contratto con tanto di firma e timbro. Quel contratto non è forse metacomunicativo? Non chiarisce la natura della loro relazione? Non stanno forse parlando della loro relazione su quel pezzo di carta? Poniamo il caso in cui Fabio e Patrizia metacomunichino senza sapere di farlo, senza distinguere consciamente i livelli. Mettiamo che Fabio abbia fatto qualcosa che ha ferito profondamente Patrizia a livello emotivo; qualcosa che doveva essere taboo, che doveva essere FUORI dal bdsm, e che invece era entrato con forza e l’aveva lasciata totalmente spogliata della sua sicurezza. Immaginiamoci Patrizia che gli dice – Non dovevi farlo -, e Fabio che le risponde – Non sei tu a dare gli ordini qui -.
Il problema? Patrizia sta metacomunicando, Fabio no. Fabio non ha distinto i livelli, e si sta comportando esattamente nel ruolo che gli è dato, non astraendosi. Ma per metacomunicare c’è bisogno di uscire dalla bolla di ruoli della dinamica relazionale. E’ come se due soldati di fazioni opposte in guerra abbandonassero le armi, si sedessero ad un tavolo e giocassero a scacchi decidendo le rispettive strategie.
Mi sembra estremamente chiarificatore citare il meraviglioso scritto teatrale di Edward Albee, Chi ha Paura di Virginia Woolf, dove la comunicazione tra i due protagonisti (che sono sposati) si piega al loro gioco e risulta così scarsa a livello metacomunicativo da mostrare gli effetti disastrosi di due ruoli che non riescono più a fare altro che distruggersi a vicenda.
Anzi, per essere sicura di dire con certezza tutto quello che voglio dire sull’argomento, cito me medesima copiando un paio di miniparagrafi da una ricerca che avevo fatto in passato, incentrata proprio sui paradossi della/nella comunicazione.

2. Il paradosso nella comunicazione

Entrando nello specifico dei paradossi pragmatici, questi hanno particolare valore nelle comunicazioni umane in quanto generano comportamenti che possono cadere nella schizofrenia e altre patologie.
Nell’interazione umana, si genera un paradosso quando:
・ Vi è una forte relazione di tipo complementare (ufficiale e subordinato, ad esempio).
・ Viene data un’ingiunzione che deve essere obbedita ma deve essere disobbedita per essere obbedita.
・ La persona che nella relazione ricopre la posizione one-down (sottomesso) non è in grado di uscire dallo schema paradossale in quanto non può metacomunicare*** (cioè comunicare sulla comunicazione paradossale).

La forma più frequente di paradossi nella pragmatica della comunicazione umana è un’ingiunzione che richiede un comportamento specifico, che proprio per sua natura non può che essere spontaneo. Ad esempio, chiunque riceva il messaggio “Sii spontaneo!” si ritrova in una posizione insostenibile, perché per obbedire ed essere spontaneo deve entrare in uno schema di non spontaneità, che è l’obbedienza. Alcune varianti possono essere:
(a) “Dovresti amarmi”
(b) “Non essere così ubbidiente”
(c) “Sai che puoi fare quello che vuoi, non preoccuparti se però poi piango”

Queste ingiunzioni sono paradossali in quanto richiedono la simmetria in un tipo di rapporto complementare.
Sottoporre una qualunque persona per lungo tempo ad un tipo di comunicazione di questo tipo significa ledere significativamente la sua salute mentale, in quanto uno stimolo paradossale non può che generare una risposta altrettanto paradossale. Il lavaggio del cervello infatti si fonda quasi esclusivamente sul paradosso pragmatico.

Lo studio condotto a metà del 1900 da Bateson, Jackson, Haley e Weakland ha gettato nuova luce sul comportamento schizofrenico, ipotizzando che fosse l’ambiente a generare la schizofrenia, e non la schizofrenia a degradare l’ambiente circostante. Secondo loro infatti lo schizofrenico “deve vivere in un universo in cui le sequenze di eventi sono tali che le sue abitudini di comunicazione non convenzionali in qualche modo saranno appropriate”. Studiando approfonditamente questo tipo di comunicazione, sono arrivati a coniare il termine doppio legame.
Questo è generato quando:
・ Due o più persone sono coinvolte in una relazione intensa che ha un alto valore di sopravvivenza fisica e/o psicologica per una di esse, per alcune, o per tutte.
・ Viene dato un messaggio che è strutturato in modo tale che (a) asserisce qualcosa, (b) asserisce qualcosa sulla propria asserzione, (c) queste due asserzioni si escludono a vicenda.
・ Si impedisce al ricettore del messaggio di uscir fuori dallo schema stabilito, o metacomunicando o chiudendosi in se stesso.

Possiamo evidentemente notare come alla base del doppio legame vi sia proprio un paradosso pragmatico nella sua definizione da manuale. In particolare, impedire al ricettore del messaggio di uscir fuori dallo schema lo costringe di fatto a reagire forzatamente all’ingiunzione, che in quanto paradossale lo porta a rispondere in modo anch’esso paradossale.
È importante poi sottolineare che questo tipo di relazione non è unidirezionale, ma ogni membro del rapporto avrà importanza eguale rispetto agli altri, e se un doppio legame produce un comportamento paradossale, sarà proprio questo a legare il legatore. Perde allora di senso la domanda “come”, o “perché” in quanto questi sistemi patologici sono circoli viziosi auto-perpetuantesi. Laddove vi è un doppio legame, si potrà diagnosticare nel membro “più disturbato” la schizofrenia.
Davanti ad un doppio legame, le possibili reazioni possono essere:
・ La persona penserà di essersi lasciata sfuggire un particolare importante per rendere sensato lo schema, idea ancora più motivata dal fatto che per tutti gli altri membri lo schema appare come logico. Sarà perciò ossessionata dallo scoprire questi elementi, e non trovandoli porterà la ricerca a fenomeni senza alcuna attinenza col significato e con gli elementi che cerca di trovare.
・ Opterà per la soluzione paramilitare, e cioè prendere tutte le ingiunzioni alla lettera, elidendo ogni idea personale. L’osservatore perciò potrebbe notare comportamenti insensati in quanto mancherebbe la capacità/volontà di distinguere ciò che è banale da ciò che è importante, ciò che è plausibile e ciò che non lo è.
・ Potrebbe scegliere di chiudere i canali di comunicazione ed isolarsi psicologicamente e fisicamente, per evitare di dover reagire all’ingiunzione. L’osservatore si troverebbe davanti ad un soggetto autistico. Per lo stesso motivo la persona potrebbe decidere di diventare iperattiva, al punto da sommergere tutti i messaggi in entrata.

Una volta che il messaggio paradossale è stato imposto alla persona che a sua volta ha risposto con un comportamento paradossale anch’esso, il paradosso è imposto agli altri comunicanti, completando il circolo vizioso. Ogni comunicazione infatti tende a creare un circuito a retroazione positiva, cioè dove una volta che A ha inviato un messaggio a B, questo invia un messaggio sull’output ad A che lo modifica.

***Sull’importanza della metacomunicazione, rimando al paragrafo successivo, su “Chi ha paura di Virginia Woolf”

2.1 Chi ha paura di Virginia Woolf?

“Chi ha paura di Virginia Woolf” è un dramma teatrale di Edward Albee, scritta nel 1962 e rappresentata in tutto il mondo.
La trama è abbastanza semplice: tratta di una coppia sposata, Martha e George che invitano una domenica la coppia Nick e Honey, molto più giovani di loro. Tutto il dramma ruota intorno al confronto tra queste due coppie e allo scontro incessante tra Martha e George che con numerose escalation continuano a lottare per avere l’ultima parola su tutto. Imbastiscono una serie di giochi psicologici che portano la coppia ospite ad essere coinvolta nel gioco perverso tra i due protagonisti, e a scoprire che questi due mantengono il mito di un figlio immaginario che George ucciderà (sotto lo sguardo incredulo di Martha) alla fine della storia.
Il rapporto dei due protagonisti è un perfetto esempio di doppio legame, dove entrambi sono invischiati in quelle regole che non sono in grado di modificare e che fanno sì che il loro schema comportamentale si replichi all’infinito.
L’importanza della metacomunicazione risulta subito evidente, laddove manca in entrambi la capacità di comunicare sul loro gioco per modificarlo. Mancando quella che è la figura del terapeuta, che sarebbe in grado di cambiare il doppio legame e le regole, i due protagonisti continuano a tentare di distruggersi a vicenda, in un’escalation che non si esaurisce nemmeno alla fine del dramma teatrale, che non segnala certo la risoluzione del conflitto.
Poiché non c’è nulla che distingue la loro metacomunicazione dalla comunicazione, le proposte per modificare il gioco o per cessarlo non vengono ascoltate dall’altro che le interpreta come se fossero parte del gioco stesso.
Un esempio è l’episodio in cui Martha, implorante, prega ripetutamente George di fermarsi, con questo risultato:

Martha: (con tenerezza, si muove per toccarlo) Ti prego, George, basta con i
giochi, io…
George: (le dà con violenza un colpo sulla mano) Non toccarmi! Le tue zampe
tienile pulite per gli studenti!
Martha: (grida spaventata, ma debolmente)
George: (le afferra i capelli e le tira indietro la testa) Adesso stammi bene a
sentire, Martha; hai avuto la serata e la notte tutte per te e adesso non puoi piantarla anche se non hai più sete di sangue. Noi andremo avanti e ti sistemerò in un modo che il tuo spettacolo di stanotte sembrerà un quadretto di Pasqua. Adesso ti voglio un tantino sveglia. (La schiaffeggia leggermente con la mano libera) Tira fuori un po’ di vita, bambina mia. (La schiaffeggia ancora)
Martha: (cercando di liberarsi) Fermati!
George: (la schiaffeggia ancora) Riprenditi! Ti voglio in piedi e in forma, tesoro
mio, perché sto per metterti a terra e allora bisogna che stai su. (La schiaffeggia ancora; le dà una spinta e la lascia andare; lei si riprende
Martha: Va bene, George. Che vuoi?
George: Una battaglia alla pari, bambina. Tutto qui.
Martha: L’avrai!
George: Voglio vederti furibonda!
Martha: SONO FURIBONDA!
George: Lo sarai molto di più.
Martha: NON DARTI PENSIERO DI QUESTO!
George: Sono contento per te, ragazza mia. Adesso giocheremo questo gioco
fino alla morte.
Martha: La tua!
George: Avrai una sorpresa. Ecco i ragazzi. Tieniti pronta.
Martha: (passeggia per la stanza come un pugile sul ring)Sono pronta. [pp.208-9]

2.2 Conseguenze del paradosso

Bisogna tener presente che ogni relazione possiede strumenti di omeostasi che cioè permettono al sistema di restare in equilibrio. Un messaggio paradossale che genera un comportamento paradossale che provoca una comunicazione paradossale, è un sistema omeostatico dove l’equilibrio non solo è stabile ma è addirittura auto-perpetuante. I sistemi di comunicazione insani presentano regole ben più rigide di quelle di un sistema sano, in quanto l’omeostasi condizionata dal circolo vizioso fa si che non sia accettabile il cambiamento, perciò qualsiasi strumento per ristabilire l’equilibrio farà si che la situazione continui in eterno uguale a se stessa.
Sottolineo il fatto che le regole rigide presenti nei sistemi insani ad un osservatore esterno potranno far sembrare laa situazione caotica.
Un’altra importante differenza tra i sistemi sani ed insani è che questi ultimi mancano di metaregole, cioè di regole per il cambiamento delle proprie regole, nel caso in cui si rivelino inadeguate. Questo è evidente se si pensa che il sistema è eterno nel suo circolo.

Possiamo ipotizzare tre diverse situazioni paradossali che possono generare tre quadri clinici patologici:
・ La persona viene biasimata per il modo in cui vede il mondo o per la percezione che ha di se stessa. La persona (spesso un bambino dai propri genitori) tenderà perciò a diffidare dei propri sensi. Verrà esortata a vedere le cose “nel modo giusto” e ad essere accusata di esser pazza per pensare le cose in un certo modo. Il quadro clinico della persona corrisponderà a quello della schizofrenia, in quanto non sarà più in grado di trovare nessi logici che gli altri vedono apparentemente con chiarezza e lei no.
・ La persona viene rimproverata per il fatto di provare sentimenti che non dovrebbe provare. Si sentirà perciò in colpa per la propria incapacità di provare sentimenti adeguati, e il senso di colpa potrebbe essere l’ennesimo sentimento non giustificato. Cercando di provare quello che gli viene detto di dover provare, il comportamento della persona corrisponderà al quadro clinico della depressione.
・ La persona riceve da individui per lei importanti asserzioni dove le si chiede un certo tipo di comportamento e il suo opposto, ritrovandosi nella situazione di poter obbedire solo disobbedendo. Il comportamento corrispondente è quello della delinquenza o di instabilità.

In definitiva, ciò che fa di una relazione paradossale un circolo senza fine è l’impossibilità di cambiare le regole dello schema (metaregole) o di comunicare sulla situazione paradossale (metacomunicazione). I membri infatti non possono vedere, rimanendo all’interno della relazione, le alternative che non sono in essa contenute.

Non dimentichiamoci però che la nostra esistenza è satura di paradossi. Molti rapporti assicurano la propria stabilità quando i partner considerano realmente la possibilità di lasciarsi. La comunicazione paradossale abbiamo già detto che genera patologie laddove si forma un doppio legame per lungo tempo e questo diventa il pilastro base della comunicazione stessa.

Citare questi paragrafetti mi ha permesso anche di inserire gli esempi delle conseguenze di questi tipi di comunicazione paradossale.
Se consideriamo il mondo BDSM dove il dolore non è mai solo dolore e un “Sei solo una puttana” non vale mai (o almeno, quasi mai) fuori dalla sessione, la metacomunicazione svolge un ruolo a dir poco vitale per la coppia.
Specialmente per coloro che praticano i loro fetishes 24/7 è necessario saper conversare su metalivelli, perchè non c’è nemmeno più l’ambiente circoscritto dal tempo della sessione, perciò smette di esserci un Dentro e un Fuori.
Me ne rendo conto sempre di più man mano che pratico all’interno del bdsm: la metacomunicazione è l’unica cosa che impedisce di cadere all’interno di un rapporto paradossale e deleterio. Vedo moltissime coppie (non necessariamente intese come coppie ‘romantiche’) che non metacomunicando consciamente si ritrovano invischiate in un circolo vizioso che li intrappola sempre di più, in una spirale di pretese e concessioni non capite.

“Il fatto è che una persona non può scegliere la sola alternativa che la aiuterebbe a scoprire quello che la gente vuol dire; non è in grado – se non viene molto aiutata – di discutere i messaggi degli altri. Ma se non è in grado di farlo, l’essere umano è simile a ogni sistema autoregolantesi che abbia perduto il suo regolatore; gira entro una spirale di deformazioni interminabili che sono però sempre sistematiche” [Bateson, Gregory, Jackson, Don D., Haley, Jay e Weakland, John, “Toward a Theory of Schizophrenia”, Behavioral Science (1956), 1, pp. 251-64]

L’ambiente cuck in particolare è pieno zeppo di queste situazioni, perchè si basa sulla stessa pratica paradossale del tradire senza tradire davvero. Le oscillazioni tra ciò che è oltraggioso all’interno della coppia e ciò che non lo è sono veloci e instabili, nonchè imprevedibili. Se la diade ha anche un doppio legame di tipo Mistress e sottomesso, abbiamo la perfetta ricetta per una situazione intricata destinata ad intricarsi ancora di più, dove i paletti limite vengono spostati più in là senza alcuna logica. Come se in un rapporto BDSM la safe-word (metacomunicazione per eccellenza, la porta di ‘salvezza’) venisse cambiata arbitrariamente da uno dei due ogni giorno senza che l’altro lo sappia, così da intrappolarlo all’interno del ruolo senza possibilità di scampo.
Persino nei contratti di collarizzazione più stretti, laddove viene indicata come regola finale “La slave non può decidere di interrompere la relazione”, c’è sempre la libertà di metacomunicare e modificare le regole attraverso delle metaregole.
E’ un tipo di libertà che non deve MAI, MAI essere revocata. E deve essere nella testa di tutti che questa libertà non PUO’ essere revocata perchè saltando di livello si può sempre arrivare a parlare da pari a pari con il partner che si ha di fronte.
La sottomissione è pur sempre un atto di volontà individuale, così come essere Master/Mistress o essere slave richiede la collaborazione di entrambi, ed entrambi hanno pieno diritto di conversare con l’altro per correggere la dinamica qualora stesse uscendo fuori dai binari.

Leggo di troppi rapporti che vanno alla deriva e che, con un occhio sufficientemente lungimirante, si mostrano destinate a circoli viziosi sempre più stretti finchè uno dei due (o entrambi) non soffocherà.
Pensiamoci.

Bibliografia: Watzlawick, Beavin, Don D. Jackson, “Pragmatica della comunicazione umana”, Roma Astrolabio (1971);
Watzlawick, “Il codino del Barone di Münchhausen”, Milano Feltrinelli (1989)