Sulla Relazione e piccole novità.

Standard

Prima di raccontare alcune evoluzioni sulla situazione, volevo prendermi un pò di tempo per chiarire la relazione che ho con Lui. Mi sono resa conto, tramite alcune delle mail dei lettori, che la situazione è facilmente fraintendibile, e che io sono una tipetta piuttosto strana che non permette di figurare bene la situazione.
Quindi precisiamo un pò di cose.

– Il cuckqueaning e il bdsm sono due cose diverse. Penso sia importante sottolinearlo: il cuckqueaning è a pieno titolo un fetish, che non implica necessariamente la presenza di un rapporto di potere sbilanciato tra i due partner. Avete presente gli scambisti? Non mi pare che si umilino a vicenda mentre scopano altri (o almeno, non tutti lo fanno); ecco, siamo su questo livello del fetish. Di per sè la cuckquean o il cuckold che si fa una sega guardando il partner andare con un altro non implica necessariamente una posizione subordinata. Che questo accada nella maggior parte dei casi, è responsabilità dei praticanti nel darsi effettivo del fetish, non è una regola della pratica stessa.

Un lettore in particolare mi ha posto la domanda “Si può definire cuckquean una slave?”. Non è una domanda stupida. Per niente. Pensiamo a questa situazione emblematica: un Master che offre la propria slave ad altri; lui è forse un cuckold? Sa che lei va con altri, magari assiste anche, la cosa lo eccita anche. E’ un cuckold lui o è lei un oggetto offerto al primo offerente dal Master che può fare di lei ciò che vuole? Se una slave è costretta a servire le amanti del suo Master, è una cuckquean che ricava piacere assoluto dalla situazione o è una slave che obbedisce agli ordini?

Sono una paranoica dei livelli (mi pareva si fosse già capito col mega post sulla Metacomunicazione), perciò direi che sebbene il confine sia labile è bene essere precisi, per evitare ambiguità e superficialità. Una sub (arriverò poi alle slave) non può essere trattata come una cuckquean: se il suo piacere deriva dall’obbedire al Master, questo non è la stessa cosa del dire “la eccita saperlo con un’altra”. Ci rendiamo conto dell’immensa differenza?
Io cuckquean posso permettermi di tornare a casa e trovarmi il mio Lui con un’altra sul divano che ci danno dentro come se fossero tornati in auge i riti dionisiaci; io sub se tornassi a casa e mi ritrovassi in una situazione simile con Lui che fraintende il mio volerlo servire con i suoi capricci accontentati sempre e comunque, avrei tutti i diritti di prendere una sedia e giocare a bowling con due birilli formato umano.

Il cuckqueaning, così come il cuckolding, prevede che il cuck chieda/proponga/accetti con un grande pollice in su l’adulterio da parte del partner. Non è una costrizione, non è un’imposizione, è una LIBERA SCELTA. Il cuck sa già di esserlo e si prodiga per farlo capire al proprio partner (e mi riferisco al lungo purgatorio che molti cuckold devono passare per convincere la propria moglie ad andare con altri e che loro non sono andati fuori di testa), oppure davanti alla proposta dell’altro capiscono che l’idea li eccita immensamente. Sono i primi a rendersi conto che c’è una risposta sessuale immediata al pensiero del partner con un altro/a, non ci sono livelli intermedi del tipo “io servo Lui; ergo accetto che Lui vada con altre; ergo mi eccita che Lui vada con altre perchè così confermo il mio servirlo”. Sono cose diverse.

Tornando alla domanda iniziale: una slave implica un contratto in cui lei ‘dona’ la propria volonta al suo Master. Lascio perdere il fatto che per me è essenziale che nel contratto ci sia la possibilità da parte della slave di metacomunicare e di avere metaregole nel caso in cui le cose non vadano, ma più in generale, se la situazione della slave prevede che a lei va bene tutto quello che il Master fa, lei lo deve solo accettare. Ma anche qui, siamo alla definizione di Cuckquean. E’ semplicemente la moglie consenziente all’adulterio del marito? O è qualcosa di più? Una Cuckquean non è forse la moglie consenziente ed eccitata all’adulterio del marito?

La slave accetta, la Cuckquean spinge. La slave obbedisce, la Cuckquean propone. La slave serve, la Cuckquean offre servigi.

– Dopo questa lunga introduzione, arriviamo al mio caso personale. E’ tempo che vi facciate un pò idea di come funziona tra me e Lui il mondo bdsm&fetish.

Premetto il fatto che nessuno dei due ha spinto l’altro ad entrare in questo mondo, ci siamo conosciuti che avevamo già queste spinte. Lui era già interessato alle relazioni M/s e al bdsm in generale, e io ero già una piccola pervertita ossessionata dal tradimento.
Già, perchè la sottoscritta ha in testa questa cosa dall’infanzia. Devo averlo accennato in qualche altro post, ma per me la competizione si è sempre mischiata con qualche livello di tradimento, perciò nella mia testolina infante immaginare una scenetta in cui la mia personcina ne usciva fuori vittoriosa e stupenda, implicava sempre e comunque la quasi perdita di qualcuno, la competizione, la ‘lotta’ e la mia vincita personale.
Quando io e Lui ci siamo conosciuti io non ero minimamente pronta ad incontrare i suoi desideri. Ero così accecata da questa mia vittoria nella competizione, che non concepivo una situazione in cui dovessi abbassare la testa. Ero testarda, cocciuta, orgogliosa nel peggior senso possibile, ed egoista a livelli sinceramente curiosi.
Abbiamo entrambi avuto modo di maturare, lontani ma sempre rivolti l’uno all’altra. Lui ha formato la sua meravigliosa personalità, il suo carattere dominante, ha personalizzato il sesso in modo da conformarlo al suo carattere, è diventato un Uomo. Io ho imparato che il mio orgoglio aveva milioni di modi più costruttivi di esprimersi, ho ampliato i miei orizzonti attraverso interessi e studi che mi hanno resa capace di vedere l’Altro rispetto a me, ho trovato il compromesso che mi permetteva di essere Libera.
Quando io e Lui ci siamo reincontrati e ci siamo innamorati di nuovo, gli anni di teatro mi avevano già fatto capire quanto amassi entrare in personaggi che erano fuori da me. Avevo già sviluppato un Estetismo che mi spingeva verso milioni di interessi, i quali mi davano tutti una certa dose di autostima, permettendomi di sentirmi Bella. Avevo ancora in mente la valchiria che volevo essere nell’ambiente cuck, ma in aggiunta avevo anche capito quanto ero in grado di piacermi mentre mi inginocchiavo.
Sono una sub sicuramente atipica, vado ben oltre ciò che mi viene chiesto e lo faccio per puro piacere personale, vedo in Lui il riflesso della mia figura, e mi piace così tanto che continuo a servirlo per compiacermi. Forse mi piace la discrepanza che si forma tra il mio orgoglio e il mio carattere fermo e a tratti aggressivo, con la me sottomessa e composta, dignitosa e calma.
Ne parlo spesso con Lui, più che sub sembro una cortigiana, dipende dalle giornate.
Lui conosce questi miei tratti e li sposa perfettamente con il suo carattere, dandomi sempre nuove possibilità di esprimere me stessa. Lui traccia la strada perfetta, e quando decido di percorrere una strada alternativa perchè sento che mi piacerei di più in quell’altra, trovo che Lui non solo l’aveva già prevista, ma me l’ha anche decorata. Lo sento accanto a me e contemporaneamente tre passi in avanti, ci lasciamo la libertà di essere noi stessi completamente.
E’ l’unico verso cui avverto il desiderio di sentirmi Bella servendolo. Mentre con tutti gli altri (e specialmente le donne) sono persino dominante, con Lui non posso fare a meno che abbassarmi, perchè so che non perdo nulla della mia persona nel farlo, non mi forzo in nulla, ma mi affido a Lui che mi conosce e sa anticiparmi.

Ora, dopo queste immagini molto carine, sottolineo il fatto che io e Lui metacomunichiamo in continuazione. Non c’è un solo giorno in cui non parliamo di come ci sentiamo riguardo ad una cosa piuttosto che ad un’altra. Dopo ogni fantasia cuckquean, mentre ancora ansimo per l’orgasmo mi fermo a raccontargli cosa mi è piaciuto e cosa no, cos’è che avrei voluto e cos’è che si potrebbe fare. Abbiamo entrambi lo stesso potere nel metacomunicare, entrambi proponiamo, discutiamo, decidiamo insieme il da farsi.

In questi mesi ho amato fondere alcuni tratti sub con il cuckqueaning. Ci siamo entrambi divertiti come matti trovando nuovi modi per ‘umiliarmi’, sia verbalmente che fisicamente. Ho imparato tantissimo in quest’anno, e sono anche maturata su moltissime cose, ho imparato a vedere diversamente tantissime altre.
E’ stato Lui a dirmi che era il momento di separare più nettamente il lato sub da quello cuckquean, perchè il periodo di vita che sto vivendo richiede che io sia aggressiva e decisa, per puntare il più in alto possibile e non fermarmi davanti a niente. Non me ne stavo rendendo conto, ma stavo naturalizzando le umiliazioni verbali, mi accoccolavo come un gatto pronto a ricevere una carezza e due pizzicotti, contenta di avere attenzioni. E’ una strada legittima, ma non è quella più utile. Temeva che questo potesse ripercuotersi fuori dal cuckqueaning, fuori dal bdsm.
Ne abbiamo parlato e abbiamo deciso di accentuare la metacomunicazione, cosicchè ogni volta che stiamo parlando all’interno della dinamica cuckquean, dobbiamo avvisarci a vicenda, per non rischiare nemmeno inconsciamente di confondere i livelli.

Questo mi porta direttamente a parlare delle piccole evoluzioni che ci sono state.
Dovete sapere che io effettivamente questa nuova amica di Lui l’ho conosciuta. Partendo un pò dall’inizio della giornata, io dovevo avere un esame nel primo pomeriggio, e dovevo decidere se lei poteva venire in casa nostra per studiare tutto il pomeriggio con Lui. Dico che dovevo decidere perchè avevo l’ultima parola a riguardo, perchè non dovevo assolutamente rischiare di distrarmi durante l’esame, così se avessi scoperto che l’idea di loro due insieme in casa NOSTRA da soli mi faceva deconcentrare, l’avrei detto a Lui e loro due si sarebbero visti in biblioteca invece che a casa.
Invece è stato tutto estremamente naturale. Ero totalmente rivolta al mio esame e nemmeno per un istante il pensiero di lei con Lui mi ha fatta deconcentrare. Sono andata in università mentre mandavo sms a Lui per sapere se lei era arrivata, poi ho aspettato di poter entrare nell’aula ripassando gli argomenti e nei momenti liberi persino fantasticando su loro due insieme. Ho fatto l’esame dando il 110%. Ci ripensavo mentre tornavo a casa, che quello era proprio il tipo di atteggiamento che volevo avere: quando ad Aprile parlavo con Lui del mio feticcio per i tradimenti, avevo sottolineato quanto trovassi estremamente motivante il fare qualcosa di importante, non essere solo una fidanzata immobilizzata da qualche parte che si tocca (nulla togliendo a chi lo fa, semplicemente non è la mia strada).  Volevo essere una cuckquean che cavalcasse l’onda, più che starsene sotto di essa in una bolla protetta. Così mentre tornavo a casa pensavo che era stato estremamente soddisfacente dare un esame e sapere che Lui stava con lei da solo in casa. Mentre tornavo fantasticavo di poterli trovare in qualche momento intimo, di sbirciarli dalla finestra. Ho percorso i 2 km che mi separavano da casa con l’ansia di un bambino che aspetta la mattina per aprire i regali di Natale. Volevo tornare a casa e vederli.
Sono arrivata sotto la finestra in punta di piedi, ho assaporato come mai mi era capitato il momento in cui decidevo di sbirciare. Li ho visti sulla poltrona, seduti vicini che parlavano. Ho avuto un attimo di delusione per non averli scoperti in qualche gesto più intimo, ma poi ho pensato che era stato meglio così, quella giornata era perfetta così com’era. Così sono rientrata in casa, mi sono presentata a lei, ho raccontato com’era andata la mia giornata, loro mi hanno raccontato la loro, io ho parlato senza peli sulla lingua del mio fetish (sapendo che tanto lui gliene aveva già parlato), dandolo per scontato, e godendo nel vedere il suo viso forzatamente composto mentre io parlavo di un mondo così lontano dal suo. Mi sono sentita superiore perchè comprendevo e condividevo una realtà totalmente estranea alla sua, ed era lei a doversi sforzare per capire come fossi in grado di pensare così.
Lui mi ha stuzzicata chiedendomi se sarei dispiaciuta tornando a casa nel trovarlo a scopare, o nel vedere dei preservativi usati sul tavolo, e io ho sinceramente risposto che mi sarebbe dispiaciuto solo perchè non avrei potuto assistere. Le ho potuto spiegare che non sono il sogno di ogni ragazzo (clichè), perchè in realtà la posizione che ha Lui è tutto fuorchè facile, giacchè non si tratta semplicemente di andare con altre, ma di coinvolgermi sempre e comunque. Le ho messo bene in chiaro che la mia figura è imprescindibile, e nel momento in cui lui va con altre, anche se non sono presente fisicamente, sono implicata nella situazione. Non è mai una scappatoia da me, ma qualcosa di cui io faccio parte attivamente.
Lei ha continuato a non fare una piega, a registrare le notizie senza far vedere cosa ne pensava. Probabilmente le serve del tempo per metabolizzare la cosa, o forse non le interessa nemmeno.
Intanto sa che se vuole interessarsi a Lui, farebbe bene a tenere sempre a mente me.
Lui poi quella stessa sera l’ha riaccompagnata a casa, si sono scambiati l’ormai solito abbraccio stretto e poi lui ha raffreddato un pò i rapporti, sia per non viziarla troppo che per darle modo di capire bene le cose.

Ora siamo al punto in cui loro devono rivedersi da soli, lui forse ci proverà, o magari le parlerà direttamente chiedendole se le interessa la cosa. Non lo so sinceramente. Sono stranamente più tranquilla, mi va di scoprire cose nuove e l’ansia non mi prende più come prima. Forse ho confermato che ce la faccio, che so farmi valere anche in mezzo al cuckqueaning, che non sono una povera fidanzata il cui fidanzato approfitta della sua assenza.
Sono una tosta.
Bella e austera. Continuerò ad inseguire questo ideale.

p.s. Ultima precisazione: ragazzi (inteso in senso totalmente universale, mi riferisco a tutti i lettori, maschi femmine e di qualunque età)…cercate di capirmi, scrivo in prima persona di un’esperienza non esattamente semplice da descrivere in modo chiaro. Non dimenticatevi dei post in cui scrivevo di stare piangendo come una bambina terrorizzata, o quelli in cui dicevo di essere totalmente nel panico e incapace di fare un solo passo in avanti. Chi credete che mi abbia raccolta col cucchiaino in quei momenti?
Mi sento padrona del mio fetish nella misura in cui ho al 100% quel 50% di potere nel parlarne e decidere sul da farsi che ha anche Lui.
Sono un pò troppo intraprendente per essere una sub da manuale, lo ammetto. Questo non mi impedisce di godermi una sana sculacciata o cinghiata (ultima grande scoperta, quanto mi piace!) o qualsiasi cosa gli venga in mente o mi venga in mente.
Perciò non pensate così automaticamente che io sia quella che ‘tesse le fila’, andrebbe contro il tipo di cuckqueaning che voglio mostrarvi di avere. Io e Lui portiamo avanti INSIEME questa cosa, venisse meno uno dei due, crollerebbe tutto all’istante.

Detto questo, continuo a gradire immensamente le mail che mi mandate, vi invito a continuare senza ulteriori indugi

»

    • Yeah! Lei fa un pò quella che fugge, e devo confessarti che a nessuno dei due va molto di fare un corteggiamento serrato. Se viene viene, se non viene nell’università ci sono molte altre ragazze.

      Mrs_Y

  1. Ho letto tutto il blog, dalla prima all’ultioma riga. Ho aperto ogni nuovo post sperando di leggere che finalmente lui aveva goduto con un’altra… sarà una svolta per te? Sull’idea della amante consapevole devo rifletterci un po’: non vi sarà facile trovarla, dovrà piacere a lui, a te, e soprattutto lei dovrà essere in grado di sostenere l’idea di essere comunque la “seconda”, uno strumento di piacere per te, oltre che per lui. Ci vuole grande intelligenza, equilibrio, e stima di sé. Auguroni! S.

    • Wow te lo sei mangiato!!! Grazie per esserti presa questo impegno, ammetto che non sono esattamente sintetica nello scrivere ;P
      Stiamo aspettando un pò tutti che arrivi quel momento, anche perchè a differenza di giugno mi sento molto più sicura di me nel muovermi in questa dinamica, e credo proprio che saprei trarne fuori il giusto divertimento.
      L’amante che sa credo che sia davvero una mosca bianca, specialmente per l’età che abbiamo entrambi. E’ già difficile trovare un’amante che sappia comunque che lui è fidanzato, figuriamoci inserirmi così a fondo nel loro ‘rapporto’.
      Entrambi siamo ben motivati però.
      Grazie!

      p.s. rinnovo l’invito a scrivermi una mail qualora volessi scambiare quattro chiacchiere :)

      Mrs_Y

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...