Metacomunicazione

Standard

Premetto che questo articolo è frutto dei miei studi privati, indi per cui non è permesso il riutilizzo e/o il copia-incolla senza il mio permesso.

 

Probabilmente questo è l’argomento più importante che potrei mai trattare sul blog, e non ho la presunzione di concluderlo in un solo post. Avviso già da ora che se ne sentirà parlare più volte, sempre in maniera diversa ma sempre sottolineandone l’enorme importanza.
Quello che scriverò qui vale come mia personalissima opinione e non vuole essere un messaggio di Verità ultima. Leggetelo come un altro punto di vista abbastanza interessante da poter essere preso in considerazione. Per il resto, ognuno sceglie di vivere come preferisce.
Come dichiarazione d’intenti, vorrei evidenziare la mia assoluta convinzione che tutto il palcoscenico del bdsm/fetish può reggersi in piedi in modo sano e duraturo attraverso una singola azione: la Metacomunicazione.
Ora che ho specificato la mia tesi, prima di mettermi d’impegno ad argomentarla, vi regalo una digressione per capire bene di cosa si sta parlando.

Prendiamo due persone: Fabio e Patrizia. Stanno insieme, non stanno insieme, si conoscono, non si conoscono, sono amici, sono nemici; sono tutte cose che decideremo di volta in volta con gli esempi. I concetti che vi presenterò potrebbero essere caotici e troppo vicini, chiedo venia.

Il concetto base è che nel momento in cui Fabio comunica un messaggio a Patrizia, il processo comunicativo non è finito qui. Si inserisce il concetto di retroazione, laddove una volta comunicato qualcosa da A a B, B con la sua risposta modificherà a sua volta A.
Dato per certo che NON SI PUO’ NON COMUNICARE (il cercare disperatamente di non comunicare -anche con il linguaggio del corpo- è in realtà veicolo di un messaggio chiarissimo “non voglio comunicare”), la nostra vita è totalmente immersa nella comunicazione e nelle sue retroazioni.
Immediatamente agganciato alla retroazione è il concetto di equilibrio omeostatico, che reagisce a qualsiasi cambiamento facendo in modo che resti intatto l’equilibrio precedente al suddetto cambiamento. Un esempio? Consideriamo un individuo disturbato psicologicamente e la sua famiglia. Non è così raro che nel momento in cui l’individuo migliora e/o guarisce, qualcun altro in famiglia si ammala. Se consideriamo come l’equilibrio di quella famiglia comprendesse la presenza dell’elemento disturbato per permettere a tutti gli individui di relazionarsi in un certo modo, l’assenza di questo anello porta al processo omeostatico atto a trovare immediatamente un rimpiazzo. Questo vale per qualsiasi diade-triade o rapporto con più persone; l’equilibrio non è affatto detto che rispecchi quella che è la nostra idea di ‘stabilità’, ‘armonia’, ‘pace’. In una famiglia con la figlia schizofrenica, il padre assente e la madre iperprotettiva, i ruoli sono perfettamente incastrati e funzionanti, e l’equilibrio è assicurato da loro stessi; non solo, vi dirò anche che il loro equilibrio è ben più saldo di quello di una famiglia ‘sana’, in quanto le loro regole e la loro dinamica è ben più fissa ed immutabile delle altre. Vien da sè la considerazione che una comunicazione sana si adatta ai cambiamenti, ma i confini tra il giusto e lo sbagliato qui sono labili ed etici, perciò mi limiterò ad esprimere la mia idea senza cercare di condannare qualcuno.
Considerando invece il rapporto tra due persone, ci rendiamo subito conto quanto spesso e volentieri siamo impegnati nel dare una punteggiatura agli eventi. Prendiamo Fabio e Patrizia, che finalmente possono iniziare a fare il loro dovere in questo post. I due litigano in continuazione: lui accusa lei di essere isterica ed aggressiva, cosa che lo porta ad essere freddo e distaccato per trovare pace; lei accusa lui di essere freddo e distaccato, cosa che la porta ad essere isterica ed aggressiva per attirare disperatamente l’attenzione. Non serve una grande immaginazione per capire l’impasse in cui si sono vicendevolmente intrappolati.

Marito: (al terapeuta) So ormai per esperienza che se voglio la pace in famiglia non devo intromettermi perchè mia moglie vuole fare le cose a modo suo.
Moglie: Non è vero! Quanto vorrei vederti prendere qualche decisione o avere un pò più di iniziativa almeno una volta ogni tanto perchè…
Marito: (interrompendola) Non me lo permetteresti mai.
Moglie: Sarei contenta di lasciarti fare – ma se ci provo, non muovi neanche un dito, e allora devo fare tutto io all’ultimo momento.
Marito: (al terapeuta) Capisce? Uno non può occuparsi delle cose se e quando c’è bisogno – tutto deve essere pianificato e organizzato una settimana prima.
Moglie: (con rabbia) Fammi un solo esempio. Dì quand’è stato che hai fatto qualcosa negli ultimi anni.
Marito: Non ho nessun esempio da fare, perchè è meglio per tutti, anche per i bambini, se ti lascio fare a modo tuo. E’ una verità che ho scoperto molto presto dopo che ci siamo sposati.
Moglie: Sei stato sempre così, da quando mi ricordo – le decisioni le hai lasciate sempre a me!
Marito: Santo cielo, adesso mi tocca sentire anche questa (pausa, poi si rivolge al terapeuta) – ecco cosa dirà, dirà che stavo sempre lì a chiederle cosa voleva – per esempio “dov’è che vuoi andare stasera?” o “come ti piacerebbe passare il week-end?” e invece di capire che cercavo di farla contenta, si arrabbiava…
Moglie: (al terapeuta) Già, però quello che ancora non capisce è che se una sente un mese dopo l’altro la stessa sinfonia “tutto – quel – che – vuoi – cara – per – me – va – bene” una comincia a capire che a lui non gliene importa niente di quello che una vuole… [Watzlawick, Beavin, Don D. Jackson, “Pragmatica della comunicazione umana”, Roma Astrolabio (1971), p.86-87]

Tutto questo ci porta all’importante concetto della ‘profezia che si autodetermina’ […] che dal punto di vista dell’interazione è forse il fenomeno più interessante nel settore della punteggiatura. Nella comunicazione, il ‘dare la cosa per scontata’ si può considerare l’equivalente della ‘profezia che si autodetermina’. E’ il comportamento che provoca negli altri una reazione alla quale quel dato comportamento sarebbe la risposta adeguata. […] L’aspetto tipico della sequenza (che poi è ciò che lo rende un problema di punteggiatura) è che l’individuo in questione crede di reagire a quegli atteggiamenti e non di provocarli. [Watzlawick, Beavin, Don D. Jackson, “Pragmatica della comunicazione umana”, Roma Astrolabio (1971), p.88]

Una quantità imbarazzantemente grande di conflitti nelle coppie nascono proprio da un’errata punteggiatura, o ancor meglio dalla pretesa di inserire una punteggiatura ad un livello troppo maturo cronologicamente (relativamente al conflitto) per poterlo davvero fare. Se Fabio urta un vaso e Patrizia urla perchè era il regalo di sua nonna, non facciamo nessuna fatica a comprendere la punteggiatura; Fabio potrà scusarsi (e magari lamentarsi un pò perchè il vaso era in una posizione già di per sè precaria) e lei potrà sospirare e raccogliere i cocci (o magari tenergli il muso, non ha importanza).
Tuttavia questa possibilità non c’è sempre: a volte è talmente sottile la ragnatela che ha invischiato i comunicanti con un lento crogiolamento, che diventa assolutamente irrilevante porre una punteggiatura, perchè oramai entrambi hanno alle spalle lo stesso bagaglio e ne sono responsabili in egual modo.
Ha senso allora concentrarsi sull’analisi della loro situazione attuale e al modo per uscire dalle corde con cui si sono intrappolati. Ma facciamo una cosa per volta.

L’ultimo grande concetto che ci manca per poter trattare in modo soddisfacente l’argomento è quello di Metacomunicazione, per l’appunto. Dall’inizio del post non ho fatto altro che parlare di alcuni meccanismi della comunicazione, con relativi esempi laddove l’ho ritenuto necessario. Durante tutto questo post comunicherò sulla comunicazione: ergo metacomunicherò.
La necessità di definire la metacomunicazione è essenziale, perchè mai come in questo campo i livelli si mischiano. Se sto facendo una dimostrazione matematica e qualcuno mi fa una domanda, utilizza la lingua che padroneggia meglio al momento (può essere la sua lingua madre o l’inglese, se si trova in uno scambio culturale, o in qualsiasi altra lingua adatta alla circostanza). Se voglio fare una domanda riguardante la comunicazione, utilizzo la stessa lingua che uso quotidianamente, e le possibilità di creare ambiguità sono moltissime, perchè non c’è più alcuna distinzione tra la lingua che uso per comunicare e tra quella che uso per comunicare sulla comunicazione.
Comunicare sulla metacomunicazione è un livello ancora successivo, replicabile teoricamente all’infinito.
Ora, la metacomunicazione è essenziale per riuscire a chiarire la natura della relazione in corso tra due o più persone, così come per chiarire i ruoli di potere che ci sono all’interno.

I coniugi erano ricorsi allo psichiatra per i litigi (talvolta anche violenti) che scoppiavano tra di loro e che li lasciavano profondamente preoccupati perchè sentivano di aver fallito tutti e due come coniugi. Erano sposati da ventun anni. Il marito era un uomo d’affari di successo. All’inizio dello scambio verbale che riproduciamo, la moglie aveva solo osservato che per tutti quegli anni di matrimonio non aveva mai saputo in che rapporti fosse col marito.
Psichiatra: Lei vuole dire che avrebbe bisogno di ricevere da suo marito qualche indicazione per sapere se è contento di quello che lei fa.
Moglie: Sì.
Psichiatra: Ma suo marito non le fa delle osservazioni, positive o negative che siano?
Marito: E’ raro che io le faccia osservazioni…
Moglie: E’ proprio raro…
Psichiatra: Allora come- come sa che…
Moglie: (interrompendolo) Lui fa solo i complimenti. E’ questa la cosa che sconcerta. Mettiamo che mi si bruci qualcosa che ho cucinato -lui dice che è proprio ‘buono, molto buono’. Ma se preparo un piatto che è veramente buono, lui ripete la stessa frase: ‘Buono, molto buono’. Gliel’ho detto che non capisco quand’è che mi critica e quando mi fa i complimenti. Ma lui pensa che i complimenti mi spingano a far meglio, così quando proprio me li merito lui è al sicuro (li fa sempre). Stanno così le cose…Il valore dei complimenti l’ho perduto.
Psichiatra: Lei vuol dire che non sa in che rapporti è con una persona che le fa smepre i complimenti…
Moglie: (interrompendolo) No, io non so più quando è che mi critica e quando sono veri i complimenti che mi fa.
Anche se i coniugi sono entrambi pienamente consapevoli dello schema in cui sono impigliati, alla fine la consapevolezza non li aiuta a fare qualcosa che uscirne. [Watzlawick, Beavin, Don D. Jackson, “Pragmatica della comunicazione umana”, Roma Astrolabio (1971), p.76]

Prendiamo ancora Fabio e Patrizia, e diciamo che lui sia il Master e lei sia la slave; lei è stata ‘collarizzata’ due mesi prima, e come moltissimi fanno, hanno stilato un contratto con tanto di firma e timbro. Quel contratto non è forse metacomunicativo? Non chiarisce la natura della loro relazione? Non stanno forse parlando della loro relazione su quel pezzo di carta? Poniamo il caso in cui Fabio e Patrizia metacomunichino senza sapere di farlo, senza distinguere consciamente i livelli. Mettiamo che Fabio abbia fatto qualcosa che ha ferito profondamente Patrizia a livello emotivo; qualcosa che doveva essere taboo, che doveva essere FUORI dal bdsm, e che invece era entrato con forza e l’aveva lasciata totalmente spogliata della sua sicurezza. Immaginiamoci Patrizia che gli dice – Non dovevi farlo -, e Fabio che le risponde – Non sei tu a dare gli ordini qui -.
Il problema? Patrizia sta metacomunicando, Fabio no. Fabio non ha distinto i livelli, e si sta comportando esattamente nel ruolo che gli è dato, non astraendosi. Ma per metacomunicare c’è bisogno di uscire dalla bolla di ruoli della dinamica relazionale. E’ come se due soldati di fazioni opposte in guerra abbandonassero le armi, si sedessero ad un tavolo e giocassero a scacchi decidendo le rispettive strategie.
Mi sembra estremamente chiarificatore citare il meraviglioso scritto teatrale di Edward Albee, Chi ha Paura di Virginia Woolf, dove la comunicazione tra i due protagonisti (che sono sposati) si piega al loro gioco e risulta così scarsa a livello metacomunicativo da mostrare gli effetti disastrosi di due ruoli che non riescono più a fare altro che distruggersi a vicenda.
Anzi, per essere sicura di dire con certezza tutto quello che voglio dire sull’argomento, cito me medesima copiando un paio di miniparagrafi da una ricerca che avevo fatto in passato, incentrata proprio sui paradossi della/nella comunicazione.

2. Il paradosso nella comunicazione

Entrando nello specifico dei paradossi pragmatici, questi hanno particolare valore nelle comunicazioni umane in quanto generano comportamenti che possono cadere nella schizofrenia e altre patologie.
Nell’interazione umana, si genera un paradosso quando:
・ Vi è una forte relazione di tipo complementare (ufficiale e subordinato, ad esempio).
・ Viene data un’ingiunzione che deve essere obbedita ma deve essere disobbedita per essere obbedita.
・ La persona che nella relazione ricopre la posizione one-down (sottomesso) non è in grado di uscire dallo schema paradossale in quanto non può metacomunicare*** (cioè comunicare sulla comunicazione paradossale).

La forma più frequente di paradossi nella pragmatica della comunicazione umana è un’ingiunzione che richiede un comportamento specifico, che proprio per sua natura non può che essere spontaneo. Ad esempio, chiunque riceva il messaggio “Sii spontaneo!” si ritrova in una posizione insostenibile, perché per obbedire ed essere spontaneo deve entrare in uno schema di non spontaneità, che è l’obbedienza. Alcune varianti possono essere:
(a) “Dovresti amarmi”
(b) “Non essere così ubbidiente”
(c) “Sai che puoi fare quello che vuoi, non preoccuparti se però poi piango”

Queste ingiunzioni sono paradossali in quanto richiedono la simmetria in un tipo di rapporto complementare.
Sottoporre una qualunque persona per lungo tempo ad un tipo di comunicazione di questo tipo significa ledere significativamente la sua salute mentale, in quanto uno stimolo paradossale non può che generare una risposta altrettanto paradossale. Il lavaggio del cervello infatti si fonda quasi esclusivamente sul paradosso pragmatico.

Lo studio condotto a metà del 1900 da Bateson, Jackson, Haley e Weakland ha gettato nuova luce sul comportamento schizofrenico, ipotizzando che fosse l’ambiente a generare la schizofrenia, e non la schizofrenia a degradare l’ambiente circostante. Secondo loro infatti lo schizofrenico “deve vivere in un universo in cui le sequenze di eventi sono tali che le sue abitudini di comunicazione non convenzionali in qualche modo saranno appropriate”. Studiando approfonditamente questo tipo di comunicazione, sono arrivati a coniare il termine doppio legame.
Questo è generato quando:
・ Due o più persone sono coinvolte in una relazione intensa che ha un alto valore di sopravvivenza fisica e/o psicologica per una di esse, per alcune, o per tutte.
・ Viene dato un messaggio che è strutturato in modo tale che (a) asserisce qualcosa, (b) asserisce qualcosa sulla propria asserzione, (c) queste due asserzioni si escludono a vicenda.
・ Si impedisce al ricettore del messaggio di uscir fuori dallo schema stabilito, o metacomunicando o chiudendosi in se stesso.

Possiamo evidentemente notare come alla base del doppio legame vi sia proprio un paradosso pragmatico nella sua definizione da manuale. In particolare, impedire al ricettore del messaggio di uscir fuori dallo schema lo costringe di fatto a reagire forzatamente all’ingiunzione, che in quanto paradossale lo porta a rispondere in modo anch’esso paradossale.
È importante poi sottolineare che questo tipo di relazione non è unidirezionale, ma ogni membro del rapporto avrà importanza eguale rispetto agli altri, e se un doppio legame produce un comportamento paradossale, sarà proprio questo a legare il legatore. Perde allora di senso la domanda “come”, o “perché” in quanto questi sistemi patologici sono circoli viziosi auto-perpetuantesi. Laddove vi è un doppio legame, si potrà diagnosticare nel membro “più disturbato” la schizofrenia.
Davanti ad un doppio legame, le possibili reazioni possono essere:
・ La persona penserà di essersi lasciata sfuggire un particolare importante per rendere sensato lo schema, idea ancora più motivata dal fatto che per tutti gli altri membri lo schema appare come logico. Sarà perciò ossessionata dallo scoprire questi elementi, e non trovandoli porterà la ricerca a fenomeni senza alcuna attinenza col significato e con gli elementi che cerca di trovare.
・ Opterà per la soluzione paramilitare, e cioè prendere tutte le ingiunzioni alla lettera, elidendo ogni idea personale. L’osservatore perciò potrebbe notare comportamenti insensati in quanto mancherebbe la capacità/volontà di distinguere ciò che è banale da ciò che è importante, ciò che è plausibile e ciò che non lo è.
・ Potrebbe scegliere di chiudere i canali di comunicazione ed isolarsi psicologicamente e fisicamente, per evitare di dover reagire all’ingiunzione. L’osservatore si troverebbe davanti ad un soggetto autistico. Per lo stesso motivo la persona potrebbe decidere di diventare iperattiva, al punto da sommergere tutti i messaggi in entrata.

Una volta che il messaggio paradossale è stato imposto alla persona che a sua volta ha risposto con un comportamento paradossale anch’esso, il paradosso è imposto agli altri comunicanti, completando il circolo vizioso. Ogni comunicazione infatti tende a creare un circuito a retroazione positiva, cioè dove una volta che A ha inviato un messaggio a B, questo invia un messaggio sull’output ad A che lo modifica.

***Sull’importanza della metacomunicazione, rimando al paragrafo successivo, su “Chi ha paura di Virginia Woolf”

2.1 Chi ha paura di Virginia Woolf?

“Chi ha paura di Virginia Woolf” è un dramma teatrale di Edward Albee, scritta nel 1962 e rappresentata in tutto il mondo.
La trama è abbastanza semplice: tratta di una coppia sposata, Martha e George che invitano una domenica la coppia Nick e Honey, molto più giovani di loro. Tutto il dramma ruota intorno al confronto tra queste due coppie e allo scontro incessante tra Martha e George che con numerose escalation continuano a lottare per avere l’ultima parola su tutto. Imbastiscono una serie di giochi psicologici che portano la coppia ospite ad essere coinvolta nel gioco perverso tra i due protagonisti, e a scoprire che questi due mantengono il mito di un figlio immaginario che George ucciderà (sotto lo sguardo incredulo di Martha) alla fine della storia.
Il rapporto dei due protagonisti è un perfetto esempio di doppio legame, dove entrambi sono invischiati in quelle regole che non sono in grado di modificare e che fanno sì che il loro schema comportamentale si replichi all’infinito.
L’importanza della metacomunicazione risulta subito evidente, laddove manca in entrambi la capacità di comunicare sul loro gioco per modificarlo. Mancando quella che è la figura del terapeuta, che sarebbe in grado di cambiare il doppio legame e le regole, i due protagonisti continuano a tentare di distruggersi a vicenda, in un’escalation che non si esaurisce nemmeno alla fine del dramma teatrale, che non segnala certo la risoluzione del conflitto.
Poiché non c’è nulla che distingue la loro metacomunicazione dalla comunicazione, le proposte per modificare il gioco o per cessarlo non vengono ascoltate dall’altro che le interpreta come se fossero parte del gioco stesso.
Un esempio è l’episodio in cui Martha, implorante, prega ripetutamente George di fermarsi, con questo risultato:

Martha: (con tenerezza, si muove per toccarlo) Ti prego, George, basta con i
giochi, io…
George: (le dà con violenza un colpo sulla mano) Non toccarmi! Le tue zampe
tienile pulite per gli studenti!
Martha: (grida spaventata, ma debolmente)
George: (le afferra i capelli e le tira indietro la testa) Adesso stammi bene a
sentire, Martha; hai avuto la serata e la notte tutte per te e adesso non puoi piantarla anche se non hai più sete di sangue. Noi andremo avanti e ti sistemerò in un modo che il tuo spettacolo di stanotte sembrerà un quadretto di Pasqua. Adesso ti voglio un tantino sveglia. (La schiaffeggia leggermente con la mano libera) Tira fuori un po’ di vita, bambina mia. (La schiaffeggia ancora)
Martha: (cercando di liberarsi) Fermati!
George: (la schiaffeggia ancora) Riprenditi! Ti voglio in piedi e in forma, tesoro
mio, perché sto per metterti a terra e allora bisogna che stai su. (La schiaffeggia ancora; le dà una spinta e la lascia andare; lei si riprende
Martha: Va bene, George. Che vuoi?
George: Una battaglia alla pari, bambina. Tutto qui.
Martha: L’avrai!
George: Voglio vederti furibonda!
Martha: SONO FURIBONDA!
George: Lo sarai molto di più.
Martha: NON DARTI PENSIERO DI QUESTO!
George: Sono contento per te, ragazza mia. Adesso giocheremo questo gioco
fino alla morte.
Martha: La tua!
George: Avrai una sorpresa. Ecco i ragazzi. Tieniti pronta.
Martha: (passeggia per la stanza come un pugile sul ring)Sono pronta. [pp.208-9]

2.2 Conseguenze del paradosso

Bisogna tener presente che ogni relazione possiede strumenti di omeostasi che cioè permettono al sistema di restare in equilibrio. Un messaggio paradossale che genera un comportamento paradossale che provoca una comunicazione paradossale, è un sistema omeostatico dove l’equilibrio non solo è stabile ma è addirittura auto-perpetuante. I sistemi di comunicazione insani presentano regole ben più rigide di quelle di un sistema sano, in quanto l’omeostasi condizionata dal circolo vizioso fa si che non sia accettabile il cambiamento, perciò qualsiasi strumento per ristabilire l’equilibrio farà si che la situazione continui in eterno uguale a se stessa.
Sottolineo il fatto che le regole rigide presenti nei sistemi insani ad un osservatore esterno potranno far sembrare laa situazione caotica.
Un’altra importante differenza tra i sistemi sani ed insani è che questi ultimi mancano di metaregole, cioè di regole per il cambiamento delle proprie regole, nel caso in cui si rivelino inadeguate. Questo è evidente se si pensa che il sistema è eterno nel suo circolo.

Possiamo ipotizzare tre diverse situazioni paradossali che possono generare tre quadri clinici patologici:
・ La persona viene biasimata per il modo in cui vede il mondo o per la percezione che ha di se stessa. La persona (spesso un bambino dai propri genitori) tenderà perciò a diffidare dei propri sensi. Verrà esortata a vedere le cose “nel modo giusto” e ad essere accusata di esser pazza per pensare le cose in un certo modo. Il quadro clinico della persona corrisponderà a quello della schizofrenia, in quanto non sarà più in grado di trovare nessi logici che gli altri vedono apparentemente con chiarezza e lei no.
・ La persona viene rimproverata per il fatto di provare sentimenti che non dovrebbe provare. Si sentirà perciò in colpa per la propria incapacità di provare sentimenti adeguati, e il senso di colpa potrebbe essere l’ennesimo sentimento non giustificato. Cercando di provare quello che gli viene detto di dover provare, il comportamento della persona corrisponderà al quadro clinico della depressione.
・ La persona riceve da individui per lei importanti asserzioni dove le si chiede un certo tipo di comportamento e il suo opposto, ritrovandosi nella situazione di poter obbedire solo disobbedendo. Il comportamento corrispondente è quello della delinquenza o di instabilità.

In definitiva, ciò che fa di una relazione paradossale un circolo senza fine è l’impossibilità di cambiare le regole dello schema (metaregole) o di comunicare sulla situazione paradossale (metacomunicazione). I membri infatti non possono vedere, rimanendo all’interno della relazione, le alternative che non sono in essa contenute.

Non dimentichiamoci però che la nostra esistenza è satura di paradossi. Molti rapporti assicurano la propria stabilità quando i partner considerano realmente la possibilità di lasciarsi. La comunicazione paradossale abbiamo già detto che genera patologie laddove si forma un doppio legame per lungo tempo e questo diventa il pilastro base della comunicazione stessa.

Citare questi paragrafetti mi ha permesso anche di inserire gli esempi delle conseguenze di questi tipi di comunicazione paradossale.
Se consideriamo il mondo BDSM dove il dolore non è mai solo dolore e un “Sei solo una puttana” non vale mai (o almeno, quasi mai) fuori dalla sessione, la metacomunicazione svolge un ruolo a dir poco vitale per la coppia.
Specialmente per coloro che praticano i loro fetishes 24/7 è necessario saper conversare su metalivelli, perchè non c’è nemmeno più l’ambiente circoscritto dal tempo della sessione, perciò smette di esserci un Dentro e un Fuori.
Me ne rendo conto sempre di più man mano che pratico all’interno del bdsm: la metacomunicazione è l’unica cosa che impedisce di cadere all’interno di un rapporto paradossale e deleterio. Vedo moltissime coppie (non necessariamente intese come coppie ‘romantiche’) che non metacomunicando consciamente si ritrovano invischiate in un circolo vizioso che li intrappola sempre di più, in una spirale di pretese e concessioni non capite.

“Il fatto è che una persona non può scegliere la sola alternativa che la aiuterebbe a scoprire quello che la gente vuol dire; non è in grado – se non viene molto aiutata – di discutere i messaggi degli altri. Ma se non è in grado di farlo, l’essere umano è simile a ogni sistema autoregolantesi che abbia perduto il suo regolatore; gira entro una spirale di deformazioni interminabili che sono però sempre sistematiche” [Bateson, Gregory, Jackson, Don D., Haley, Jay e Weakland, John, “Toward a Theory of Schizophrenia”, Behavioral Science (1956), 1, pp. 251-64]

L’ambiente cuck in particolare è pieno zeppo di queste situazioni, perchè si basa sulla stessa pratica paradossale del tradire senza tradire davvero. Le oscillazioni tra ciò che è oltraggioso all’interno della coppia e ciò che non lo è sono veloci e instabili, nonchè imprevedibili. Se la diade ha anche un doppio legame di tipo Mistress e sottomesso, abbiamo la perfetta ricetta per una situazione intricata destinata ad intricarsi ancora di più, dove i paletti limite vengono spostati più in là senza alcuna logica. Come se in un rapporto BDSM la safe-word (metacomunicazione per eccellenza, la porta di ‘salvezza’) venisse cambiata arbitrariamente da uno dei due ogni giorno senza che l’altro lo sappia, così da intrappolarlo all’interno del ruolo senza possibilità di scampo.
Persino nei contratti di collarizzazione più stretti, laddove viene indicata come regola finale “La slave non può decidere di interrompere la relazione”, c’è sempre la libertà di metacomunicare e modificare le regole attraverso delle metaregole.
E’ un tipo di libertà che non deve MAI, MAI essere revocata. E deve essere nella testa di tutti che questa libertà non PUO’ essere revocata perchè saltando di livello si può sempre arrivare a parlare da pari a pari con il partner che si ha di fronte.
La sottomissione è pur sempre un atto di volontà individuale, così come essere Master/Mistress o essere slave richiede la collaborazione di entrambi, ed entrambi hanno pieno diritto di conversare con l’altro per correggere la dinamica qualora stesse uscendo fuori dai binari.

Leggo di troppi rapporti che vanno alla deriva e che, con un occhio sufficientemente lungimirante, si mostrano destinate a circoli viziosi sempre più stretti finchè uno dei due (o entrambi) non soffocherà.
Pensiamoci.

Bibliografia: Watzlawick, Beavin, Don D. Jackson, “Pragmatica della comunicazione umana”, Roma Astrolabio (1971);
Watzlawick, “Il codino del Barone di Münchhausen”, Milano Feltrinelli (1989)

»

  1. Ho letto il tuo blog tutto d’un fiato, con attenzione e una tazza di the Twinings Prince of Wales come compagna. Devo dire che aborro il limone nel the, meglio il latte, ma questa è un’altra storia.

    Tornando al tuo prodotto editoriale, ammetto che mi hai lasciato stupito, incuriosito e in definitiva assolutamente non appagato.

    1) Stupito poiché ero abituato ai blog dei cuck della serie monta mia moglie che non vedo l’ora di avere un palco di corna chilometrico da sfoggiare col vicino di casa che è, guarda caso, anch’egli disponibile ad aggiungere una tacca sulla sua verga d’acciaio.

    2) Incuriosito dalle tue paranoie, dalle vie terribilmente controverse che segue la tua mente, dai timori perfettamente logici e totalmente irrazionali che ti prendono e ti portano via nei recessi della tua coscienza. Mi piace il tuo machiavellismo, il tuo ripiegarti in te stessa per poi cercare di sferrare micidiali colpi alla lei di turno. Sei molto combattiva, incredibilmente borderline e cautamente in bilico. Molto interessante inoltre è il tuo approccio col baratro; a guardare subito giù vengono le vertigini, vero? Ma prova a osservarlo da una posizione più riparata e scoprirai che in fondo a quel baratro buio scorre un fiume, molti alberi crescono carichi d’infiorescenze e, con calma e con l’equipaggiamento adatto, sarai sicuramente in grado di arrivare in fondo e abbeverarti alla fonte.

    3) E infine, non pago nell’attuale status quo, attendo ulteriori sviluppi confidando in brillanti colpi di scena, sviluppi della fabula in stile Bollywood e, perché no, magari un altro the che mi accompagni in piacevoli letture.

    Ti lascio con un aforisma di Woody Allen, sperando che ti allieti il risveglio:

    <>

    Un abbraccio, Exagon

  2. PS ringrazio sentitamente wordpress che ha interpretato l’aforisma come un tag html. Indi per cui, vista la rimozione del tag, ripropongo l’aforisma:

    So come difendermi. In caso di pericolo ho questo serramanico che mi porto sempre dietro. In caso di vero pericolo schiaccio il pulsante e si trasforma in un bastone da tip tap, almeno posso fare simpatia.

    Godi(telo).

    Exagon

    • Prince of Wales senza limone, eh? Beh, se ti piace il genere di gusto ti consiglio di provare il Lipton (scatola gialla, non deteinato): è il the nero che preferisco. Ma i Twinings hanno il loro fascino, non posso negarlo.
      Passiamo ai tuoi stati emotivi inavvertitamente suscitati:

      1) Quel tipo di racconti padroneggia su internet, anche nell’ambiente cuckquean. Forse ti stupirà sapere che tra cuckold e cuckquean quando si tratta di ‘racconto erotico’ si fronteggiano ad armi pari. Per me ha molto più senso esaltare il lato emotivo del cucking, che è la parte meno prevedibile per i neofiti (e mi inserisco a pieno titolo nella categoria). Con ciò non sto dicendo che in futuro non inserirò dettagli sessuali delle avventure del mio fidanzato, ma per il momento è più probabile che io scriva un post progettando 10 diversi metodi per uccidere l’amante.

      2) Mi dimostri di aver perfettamente capito con chi hai a che fare, la tua analisi del testo non fa una piega. Sono d’accordo anche sulla metafora del baratro, personalmente mi ci calerei con tutte le dovute precauzioni (cosa che sta effettivamente comportando l’assenza di colpi di scena), ma ti dico anche che a molti cuck è proprio la caduta a frittella la cosa che li eccita (la frittella è per la forma che assumono dopo l’impatto).
      Inoltre ti avviso anticipatamente che aggiungerò il tuo “Sei molto combattiva, incredibilmente borderline e cautamente in bilico” alla “Descrizione Della Cuckquean Che Voglio Essere”. Ti accompagna la frase di un caro amico: “Cornuta ma bella e altera.”

      3) Fidati, qui sono la prima a stare aspettando i colpi di scena e gli sviluppi della fabula in stile bolliwoodiano. L’estate è stata un periodo di prova e di allenamento e spero che dia i suoi frutti per quando il gioco si farà duro e i duri inizieranno a giocare (ti prego non lasciarti andare a doppi sensi, mi smonti la serietà del commento). Settembre sarà il mese di ritorno all’università perciò temo che porterà ancora in sè gli strascichi dell’estate, ma appena saremo bene inseriti con i ritmi penso che potremo azzardarci a rendere l’atmosfera un pò più piccante.

      P.s. Mi ha fatto ridere l’aforisma e mi ha fatto ridere il tuo fallimento nel citarlo (i tag di wordpress stressano anche me), il che non è mai una brutta cosa appena svegli.
      Spero davvero di risentirti, Exagon.

      Mrs_Y

  3. Mmm il Lipton.. un po’ commerciale ma va bene lo stesso..

    Per chiarire, io rifuggo i racconti del tipo a, che sono de facto una semplice versione in prosa del porno di bassissima lega che infesta internet, vedi genere gonzo & co. Non se ne può più di troiette in calore e maschi cornuti e sottomessi, flaccidi e dimessi che godono nel farsi impalare la vacca da monta di turno dall’amico idraulico/carpentiere/manager palestrato con ohmioddio 750 kg di muscoli concentrati dal torace in su e un pene gonfiato con il silicone. E santo Iddio a tutto c’è un limite! (anche al tirare in ballo Dio in merito a porno et similia…). Molto meglio le emozioni, le paranoie, le fisse! Insomma mi diverto molto di più, se volessi vedere un würstel che entra ed esce da un anellino di totano mi guarderei uno dei sopracitati pornazzi, n’est pas?

    By the way sono onorato per l’aggiunta alla descrizione e proprio come te spero in colpi di scena futuri (anche se sono un semplice ma morboso lettore). Inoltre la variabile universitaria non può che aggiungere un aroma speziato ai tuoi racconti. Diciamocelo in faccia: l’università (non so come sia a Venezia) ma qui da noi è carica di zoccolette utili a determinati giochini (Vd. “le perversioni di Missesy”).

    PS lasciamo perdere il fallimento dei tag.. ha fatto subdolamente cadere il velo di mistero sulla mia goffaggine.. no comment!

    PPS Keep it up!

    PPPS Togli assolutamente dall’immagine del giorno quella porcheria.. non si può vedere il lui senza l’orlo all’abito, è ridicolo, sembra si sia cagato nei pantaloni e abbia accumulato il.. materiale.. tutto sopra le caviglie! La lei invece ha delle belle gambe, non c’è che dire.. scarpe un po démodé ma almeno la materia prima non le manca!

    PPPPS in merito ai porno di bassa lega, trovo che autrici come Erika Lust siano da encomiare in merito alla loro produzione di film erotici per donne. Nota che uso volutamente la dicitura film erotico, e non pornazzo (potentemente dispregiativo), in quanto trovo che le pellicole della suddetta regista oltre a scatenare pruriginose reazioni mi incantino per il sapiente uso della fotografia, soprattutto nel riprendere l’atto sessuale come qualcosa di delicato e bellissimo e non ti volgare e gretto, stile semo ar mercato e te sto a vende un chilo de fregna bella fresca.

    PPPPPS tutto questo posticipare e postscriptumare mi fa pensare alle liste di Umberto Eco.. che mi stia guadagnando un titolo nobiliare a Redonda?

    Un abbraccio, Exagon

    • Lo ammetto, è commerciale, ma neanche l’English Breakfast riesce ad avere un sapore così forte e corposo (personalissima opinione ovviamente).

      Neanche a me piacciono granchè, ma tant’è, per alcuni può fungere da terapia scrivere dal punto di vista sessuale la loro esperienza. Avrò modo di parlarne più tranquillamente in uno dei prossimi post, ma ad esempio io storco sempre un pò il naso quando trovo le loro mogli chiamate “troie” “zoccole” “vacche”, quando spesso e volentieri il tanto conclamato tradimento arriva dopo anni e anni di sotterfugi da parte dei cuckold. Ma vabbeh, sono lieta che questo blog rispecchi il tuo gusto vouyerista ;D

      Sulle università…stai forse alludendo a qualcosa?!
      Potrebbero fungere da luogo di rimorchio, è vero, ma se voglio evitare di trovare l’ennessima ragazza cozza che decide di spodestarmi per tenersi per sè il mio fidanzato, forse devo cercare in luoghi un pò meno carichi di ormoni postadolescenziali. (Tanto finirà che mi guarderò intorno anche lì, già lo so).

      P.s. Fingerò di non averlo notato.
      P.p.p.s. In realtà dovrei proprio cambiare il titolo perchè “l’immagine del giorno” spesso e volentieri è “l’immagine della settimana”. In ogni caso volevo già toglierla, è che mi ha colpito la pigrizia cronica.
      P.p.p.p.s. Sto già guardando qualche suo video in giro sulla rete, e già che ci sono un paio di porno anni 80-90 italiani che mi fanno sempre tanto ridere per il loro doppiaggio.
      P.p.p.p.p.s. In caso accadesse davvero, posso vantarmi in giro di conoscerti?

      P.p.p.p.p.p.s. Wow, sono stata promossa ad abbraccio, me ne compiaccio.

      Un abbraccio,
      Mrs_Y

      • E devo aggiungere necessariamente, questo è il primo video porno (di erika lust) in cui penso “oh cavoli, voglio quella canzone” ;D
        davvero notevole.

  4. Non ho capito il tuo pseudo rimando a una mia pseudo allusione universitaria.. me la spieghi questa?

    By the way sicuramente troppi ormoni universitari.. guarda però tra le fuori corso, son ben stagionate (risata sardonica). Il tuo problema è proprio trovare qualcuna che combatta aspramente con te, ma che alla fine perda.. e vai a cercarla una così.. di sicuro avrai la fila! Ti auguro vivamente di trovarla, anche se in definitiva ancora non ho capito perché lo fai. Cioè l’ho capito perfettamente, ma vorrei ragguagli sulla tua formazione / storia di vita / vissuto personale. Ciò che hai scritto nei primi post è assolutamente insufficiente per un quadro clinico completo (risata sardonica²).

    Per quanto riguarda il 4*P+s i porno italiani anni ’80 sono qualcosa di ridicolo, Selen è una grandissima anche se recitare è proprio un’altra cosa.. Idem con patate le altre porno star italiote, a cominciare da Ilona Staller del grande Partito dell’ammmmmore!
    5*P+s non solo puoi vantarti ma puoi anche sperare in una concessione vassallatica proveniente dalla mia Grazia. In quanto Duca del Pentagon+1 prossimo venturo direi che c’è un bel marchesato in caldo per te. Che ne dici di Marchesa di Enrica la mano amica? Visti i tuoi trascorsi masturbatori mi sembra appropriato, n’est pas? (risata sardonica³)

    E infine, visto il tuo provocatorio commento sulla promozione da te ottenuta sul campo, ti rammento che in quanto Duca prossimo venturo posso sempre decidere di ritirare le mie manifestazioni espansive e di mantenere il contegno che mi si confà.

    Indi per cui godi(ti) cotale privilegio in attesa del prossimo ciclo lunare che farà sensibilmente variare il mio approccio nei confronti della Marchesa di Enrica.

    In fede (e con un abbraccio, se proprio debbo sforzarmi), Exagon

    • Lascerò aleggiare il mistero sulla tua quasi battuta nei miei confronti, va tutto bene….

      Per i ragguagli sul perchè mi sto autofottendo il cervello ti invito a parlarne in privato su una qualsiasi forma di comunicazione ‘chattaria’.

      Io vorrei tanto conoscere qualcuno degli sceneggiatori dei film di quel tempo, davvero. Ho passato le migliori serate della mia preadolescenza ridendo come una cretina guardando video sull’appena nato internet da plebei (ossia quello che senza troppa fatica è poi finito nelle case di chiunque).

      Marchesa di Enrica. Prima un abbraccio e ora un titolo nobiliare, stai cercando di lusingarmi? (e tante congratulazioni per riuscire a lusingare una donna sottolineandole le sue abitudini masturbatorie ;D)

      Non vorrei assolutamente mai perdere il Vostro favore.

      Sinceramente sincera,

      Mrs_Y

  5. per quanto riguarda l’invito alla pratica chattatoria, colgo volentieri e rimando alla chat di messenger, antico strumento da sempre utilizzato a tal fini. Indi per cui Vi invierò una mail con il mio contatto e sperando in una simultanea presenza sulla rete daremo avvio a una sessione sadomasoipermegaultrachattatoria.

    Le ciarliere lusinghe son cose da morti di fame, io quello che voglio lo compro coi soldi (attribuita a Messer Silvio durante un suo amplesso orale con tale Lubienka Prendincul di anni 19).

    Indi per cui attendete fiduciosa la mia lettera elettronica,

    Fiduciosamente fiducioso,

    Exagon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...