Ufficialmente Cuckquean

Standard

1: Ma quindi arrivano…?

2: Ufficialmente Cuckquean

3: Riflessioni Postume

 

 

“Comunque sappilo, l’ho messo dentro ad un’altra”.
Non è il messaggio completo, che allegava anche delle rassicurazioni che ho estremamente apprezzato, ma vorrei partire da questa frase.
Intanto, stappate le bottiglie di champagne, sono ufficialmente un cervo.
Ho avuto la conferma che l’avevano fatto poco dopo aver postato lo scorso pezzo, ma volevo aspettare un pò prima di scrivere di nuovo. Non si dica che la cosa mi sia scivolata totalmente addosso, ho avuto la mia bella battaglia per mangiare a pranzo indossando la bella faccia da bugiarda mentre mi chiedevano come mai Lui non fosse venuto con me, così come ho dovuto placare ondate più forti di ansia, portate dalla consapevolezza che ormai il dado era tratto. E’ fatta, non si torna indietro. E’ successo.
Questo mi porta allo strano pensiero che ho avuto poco fa nel leggere il suo messaggio. “L’ho messo dentro ad un’altra”. Parliamone, è stato così semplice. E’ bastato un niente. E’ un click, un attimo, una puntura.
Mi sono distrutta l’adolescenza tormentandomi con fantasie sul tradimento, ho distrutto la mia infanzia guardando amori illeciti e imparando a legittimarne alcuni più di altri. Ho affrontato e smantellato tutte le convinzioni che la società mi aveva imposto sul tradimento, questo grande ed immenso demone, questo incubo che si nasconde sotto il letto di ogni coppia pronto a saltar fuori da un momento all’altro per distruggere gli amori più solidi.
No, davvero, parliamone. Non ci vuole niente. Non fai in tempo a sbattere le palpebre che ti ritrovi già dall’altro lato, insieme a tutte le “vittime cornute” della storia. Tutto questo chiasso per cosa? La maggior parte dei disastri richiede solo un attimo, ma questo può davvero rientrare tra di essi?
L’ha messo dentro di lei.
*FLUP*
Andata. Fine. Non hai il tempo di dire “Ahi” che apri gli occhi e il medico ti sta già premendo l’ovatta sulla pelle e ha quello sguardo tipico da “Quante cazzo di storie che fai. Sì, abbiamo GIA’ finito, ora sparisci”.

Non voglio negare lo shock che ci può essere guardando la cosa da un punto di vista più intimo, il fatto che è un passo comunque estremamente importante e tutto, ma…fai *FLUP* ed è andata, non hanno più senso le ansie per l’attesa e tutto. Per cosa mi agitavo?
Parlavo di montagne russe, ma le montagne russe ti danno dei secondi di pura euforia, con lo stomaco nella gola, il cuore al posto del cervello, la voce che si perde nella discesa sfrenata ecc. Qui è *FLUP* e basta (ok, sì, magari è un *FLUP* ripetuto ritmicamente per un bel pò, ma ci siamo capiti).
E’ perchè non ho avuto davanti la scena? Mi sarei agitata di più? Sarei stata più indignata? Più inorgoglita? Più gelosa? E se invece anche in quel caso me ne stessi seduta a godermi la scena come se stessi guardando un film? E’ scritto da qualche parte che devo stare a girare per la stanza senza riuscire a darmi pace? Ma soprattutto, perchè un anno fa lo ero e adesso non più?

Continuavo ad aspettare quel momento, quell’istante in cui lui sarebbe stato dentro un’altra, e tutto sarebbe stato diverso. Mi sono rotolata nell’angoscia per così tanto, stremandomi nel dubbio se volessi davvero o meno quell’attimo. Ho montato l’attesa e l’ho cavalcata come se fosse un’onda gigantesca. Ma forse quell’onda non c’era, e stavo solo volando (il che è comunque incredibile e mi fa capire quante pare mentali io sia in grado di farmi).
Notizia flash per chi se lo stesse chiedendo: il mondo, dopo quel *FLUP*, è esattamente identico a com’era prima. Il rosso è ancora il rosso, mi piacciono ancora le stesse canzoni, so ancora scrivere in italiano, i miei polmoni funzionano a dovere, c’è ancora vento, lo amo ancora (senza scrivere “nonostante tutto”). Non ho meno capacità e qualità di prima, sono ancora la stessa persona. Sono sempre io.
La me Cuckquean è tale con o senza quel *FLUP*. E’ un modo che ho di essere e di vedere l’intero insieme dei fatti che sperimento, al punto che l’atto fisico in sè non toglie e non aggiunge nulla, perchè il Cuckqueaning fa parte della regola generale di legittimità di tutto quello stesso mondo all’interno del quale io mi muovo. Il Cuckqueaning è tra le regole strutturali, così qualsiasi cosa avverrà all’interno di quel mondo, la regola strutturale non potrà venire intaccata, perchè quel qualsiasi-cosa esisterà esso stesso secondo la regola.

Perciò, penso che aspetterò che si divertano un altro pò nel pomeriggio, io nel frattempo continuerò a passare il tempo e stasera attenderò di poter avere un resoconto più dettagliato della giornata.
Giocavo pensando di poter morire, pensavo che nel migliore dei casi sarei stata in bilico su di una fune con sotto un grosso materasso a proteggermi. Al momento, penso piuttosto di stare camminando su un marciapiede stando attenta a stare sulla linea di confine tra le mattonelle. Quando si dice “ritrovare il bambino dentro di sè”.
Vabbeh, se non è zuppa è pan bagnato.

A duopuo.

»

  1. l’aspetto più deplorevole e che dopo così tanto tempo abbiate aspettato proprio venerdi 13 per il “battesimo” !! Comunque i fetishes sono contagiosi, quindi se il tuo fidanzato desidera essere cuckolded io sono pronto ad accontentarlo…Un bacio, ti adoro
    J

    • Ahahahahahah oddio non avevo realizzato che fosse anche venerdì 13!!! Ecco, è il destino che gioca brutti scherzi, chissà cosa ci riserverà il futuro.
      E grazie, è estremamente lusinghiero da parte tua, dovesse venirgli lo schiribizzo glielo dirò <3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...