Il Natale in famiglia

Standard

Quindi, siamo agli sgoccioli di un altro anno. Spero che lo stiate passando tutti smaltendo con successo i postumi dei pranzi e cenoni natalizi. Sappiate che vi sono vicina.

Per me è stato decisamente un Natale impegnativo dal punto di vista familiare, e le fatiche non sono ancora del tutto passate. Dal punto di vista del cucking, invece, credo sia stato il momento più produttivo dai tempi della scopata con Ermenpippa.
Ho ricevuto persino il mio regalino natalizio con una fotuzza. Direi che non poteva andare meglio.
La Cuckcake ha passato con lui praticamente ogni giorno (compreso Natale, per l’appunto) mentre io ero impegnata a sopravvivere al mio inferno personale a 1000 km di distanza da Lui. Posso dire di aver avuto solo due istintivi attacchi di gelosia/possessività, gestibili con un semplice respiro profondo. Un controllo sulla situazione come poche volte avevo potuto goderne.
Un tempo (e chi mi segue qui sin dall’inizio può confermarlo) l’idea di essere in difficoltà e da sola mentre Lui è distratto da un’altra mi avrebbe totalmente distrutta, mentre questa volta mi ha solo dato la sensazione che ci fosse qualcosa per me fuori da tutto questo groviglio di problemi. Il cuckqueaning mi ha attivamente aiutata a sentirmi più stabile, ricordandomi che sono molto più di quello che mi stavo sentendo ridotta ad essere.

Ammetto però che sia stato anche un peso che ho avvertito come se camminassi con una palla di piombo incatenata alla caviglia. Tornare nel luogo in cui sono cresciuta mi costringe sempre a misurarmi con tutto ciò che ha generato i miei tarli e al contempo mi forza a sostenere un esame in cui tutti sfoggiano i loro traguardi, e in qualche modo sento sempre di essere sulla strada sbagliata. Ve lo sto raccontando non perchè stia morendo dalla voglia di mostrarvi quanto sia tedioso starmi nella testa, ma perchè ritengo sia un pensiero che possa venire a più di qualcuna. Perchè conosco più di qualcuna che affronta lo stesso mio genere di problemi, e potrebbe essere invogliata a pensare le mie stesse cose.

Immaginatevi di essere davanti ad un gruppo di persone di cui, nolenti, tenete in considerazione l’opinione; immaginate di sentirvi ancora bambini davanti a loro, mentre sfoggiano la loro adultezza; immaginate che ognuno di loro abbia un mestiere o una specializzazione di studi che immediatamente li caratterizzi. Immaginate che ci siano cugini, vostri coetanei o poco più grandi di voi, già sistemati con i loro partner, e che ogni coppia abbia un evidente timbro. Ci sono quelli sposati da poco e che vengono ancora additati in paese perchè “Mamma che bella coppia!”, e ci sono i fidanzati novelli che vibrano di vivacità e saranno anche loro degli sposi modelli nel giro di qualche anno.
Poi ci siete voi. Il brutto anatroccolo che sin da piccolissimo ha disperatamente cercato l’approvazione di tutti i suoi vicini, che ha imparato migliaia di trucchi per farsi notare scoprendo troppo tardi che nessuno di questi attirava la loro attenzione. Immaginatevi di essere di nuovo invisibile in mezzo a questa enorme tavolata, con il dolce pensiero che il vostro Lui è distante mille chilometri e tra le braccia di un’altra (almeno qualcuno sta facendo qualcosa per voi, no? Qualcuno vi sta vedendo, nonostante tutto), e improvvisamnete vi sentite sprofondare perchè voi siete “Quella che si fa fare le corna”. Oppure: “Quella che si fa torturare i genitali”. Occasionalmente: “Quella che si fa pisciare addosso”. Improvvisamente riuscite a vedere cosa si vedrebbe di voi, se qualche scorcio di verità venisse alla luce. Immaginate il loro sguardo, e sentite che forse è una buona cosa che voi siate invisibili.

In quel momento non conta il fatto che abbiate un Lui a coprirvi le spalle, perchè in quel momento siete nudi e i fucili vi sono puntati al petto, non alla schiena.
Non so quanto possa servire la rassicurazione che questo stile di vita non è qualcosa che macchia. Non posso dire con sincerità che in Italia sia facile avere pubblicamente lo status di “cornuto” (non voglio nemmeno iniziare a pensare a quale sia il comune pensiero riguardo a chi pratica bdsm). Siamo sinceri, è una delle figure più ridicolizzate della nostra tradizione. Non posso dire di non comprendere cosa significhi avere il proprio Super Io che grida con la voce di persone che ben conosciamo e da cui vorremmo tanto nasconderci perchè abbiamo fatto proprio una brutta marachella. Perchè stavolta ci siamo seriamente rovinati la faccia.
Perchè per alcuni ha senso dire “Sono la mia famiglia e dovrebbero amarmi; se non mi amano, problema loro”, ma per altri la strada è semplicemente quella di inseguire un’approvazione che non arriverà mai. E il bdsm è un tipo di dinamica che inibisce il dolore di queste ferite. Corrervi dentro può significare però compiere quel fatidico passo che vi farà definitivamente perdere la speranza di essere quel tipo di persona che loro vorrebbero che voi foste.

A tutti coloro che sono riusciti a compiere quel passo e sospirare rassegnati, accettando che le cose stavano ormai così, un abbraccio sincero. Congratulazioni.
A chi sta ancora litigando col proprio Super Io perchè la speranza di essere notati/accettati/amati/qualsiasicosa è ancora viva, mi sento di dirvi con la testa di trattenere il fiato e fare quel fatidico passo, e col cuore di tenere duro perchè non si sa mai.

La fine del 2013 può significare per alcuni l’ennesimo anno finito mordendosi la lingua, costruendo una facciata pubblica che non urti chi dovrebbe invece spingervi ad essere chi siete ed ammirarvi per questo. Alla fine quel genere di approvazione la riceverete da direzioni inaspettate, da persone che non vi conoscono ma che hanno già le braccia aperte. Il bdsm per me ha spesso questa forma: una coperta messa sulle spalle e una carezza sulla testa.

Quindi, sulla mia strada verso la realizzazione personale, dopo la fase di lotta contro me stessa (superata con successo), dopo la fase di lotta contro di Lui (superata con successo), dopo la fase di lotta contro l’opinione comune di perfetti estranei (superata con discreta facilità), approdo a quella dell’auto-negazione con i familiari. E’ forse un passo obbligato della fase di crescita quello di sentirsi orribili perchè non si è diventati quello che ci si aspettava? E’ evidenziato perchè invece che parlare di tratti caratteriali si sta parlando di comportamenti apertamente oggetto di giudizio popolare?
Uscire da questa matassa potrebbe essere un bel compito per il 2014.
O magari mi sto solo facendo pare mentali perchè ho mangiato pesante.

Se non è zuppa è pan bagnato (o come credevo che si dicesse da piccola: pampagnaro).

»

  1. Molto interessante, come sempre, e con tanti spunti di riflessione. Io però avrei voluto sapere qualcosa di più sulla cuckcake, sulla fotuzza… Come l’ha conosciuta? Chi è? Che rapporto c’è fra i due? Tu la conosci? Lei sa di te? Non lasciarci in preda a tutti questi dubbi, dai… ;-) In fondo questo è il blog di una vera cuckquean!
    Sono contenta che sei tornata, mi mancavano i tuoi post…
    Un caro saluto e tanti auguri anche a te, per tutto!
    S.

    • Più che giusto, ma almeno in questo caso devo stare attenta a dar via troppi dettagli perchè c’è la possibilità che lei entri in contatto con questo blog (e ancora non mi va di renderlo privato, sinceramente). Perciò per dettagli più dettagliosi e succulenti scrivimi per email (cuckqueanita.mrsy@gmail.com) che ti racconto tutto xD

      Oh grazie, ancora auguroni *3*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...